Medici e artisti, nefrologia narrativa: premiati i medici della Usl Umbria 1

Primo premio al dottor Leveque per la sezione Narrativa, il dottor Ciao sesto per quanto riguarda la sezione Fotografia

Non soltanto l’aggiornamento clinico-scientifico, l’impegno con i pazienti e la vita in corsia. I medici di nefrologia della Usl Umbria 1 hanno anche una forte sensibilità di sapore artistico che, nell’ambito della cosiddetta medicina narrativa, gli consente di coltivare quelle capacità empatiche e di ascolto fondamentali non soltanto per curare la malattia ma per prendersi cura della persona a 360 gradi con le sue emozioni, paure, speranze. Lo hanno dimostrato anche nella seconda edizione del concorso nazionale di Nefrologia Narrativa Quirino Maggiore.

Il dottor Alessandro Leveque, responsabile della struttura di Nefrologia dell’ospedale di Città di Castello, infatti, ha vinto il primo premio della sezione Narrativa con il racconto intitolato “D’un sorso”. Il dottor Giovanni Ciao, responsabile della Nefrologia dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino, si è invece aggiudicato il sesto posto della sezione Foto con “Posso aiutarti?”.

La premiazione del concorso, organizzato dal Giornale di Tecniche Nefrologiche e Dialitiche e l’Associazione Nazionale Emodializzati – Dialisi e Trapianto (Aned), si è svolta a Firenze il 22 settembre. Il premio punta a sviluppare la medicina Narrativa, un approccio che parte dalla necessità di umanizzare la pratica medica al fine di rendere più efficace l'intero percorso di cura. 

Narrare la propria malattia contribuisce a lenire la sofferenza e a migliorare ed ottimizzare il trattamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con le numerose restrizioni e la complessità della terapia, il paziente a volte può arrivare a rifiutarsi di collaborare e la Medicina Narrativa  può essere un valido e concreto aiuto per i pazienti, i familiari e anche i medici che vivono la Malattia Renale Cronica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento