Umbria, il 16% degli anziani è disabile: "Scarso aiuto dal servizio pubblico"

I dati del sistema di sorveglianza Passi d’argento: "Assistenza e cura a carico delle famiglie"

"L’Umbria è fra le regioni con un più alto indice di vecchiaia". E la quota di anziani disabili in Umbria risulta pari al 16%. E' quanto emerge dai dati del sistema di sorveglianza di popolazione Passi d’argento relativi alla disabilità negli anziani resi pubblici dai servizi Epidemiologia delle due Usl dell’Umbria. Perché, spiega una nota dell'Usl Umbria 1, "il progressivo invecchiamento della popolazione è uno dei principali fattori da tenere in considerazione nella programmazione socio-sanitaria anche perché può incidere sul complessivo assetto sociale, con potenziali ripercussioni economiche e organizzative".

Dai dati riferiti dal sistema di sorveglianza Passi d’argento 2016-18, la quota di anziani disabili in Umbria risulta pari al 16%. La disabilità cresce con l’età passando dal 4% tra i 65-74enni al 54% dopo gli 85 anni di età; è mediamente più frequente fra le donne (20% contro l’11% degli uomini) e fra chi ha una bassa istruzione (23% contro il 9% con alta istruzione). I dati umbri sono in linea con la media nazionale. 

La totalità delle persone con disabilità, sottolinea ancora la Usl Umbria 1, "riceve aiuto per lo svolgimento delle attività della vita quotidiana, ma questo carico di cura e di assistenza proviene prevalentemente da familiari (95%) e da badanti, figura maggiormente coinvolta in questo territorio (47% in Umbria verso il 36% in Italia). Scarso l’aiuto proveniente dal servizio pubblico di Usl e Comune (11%). Infine, il 31% delle persone non autonome riceve un contributo economico per questa condizione di disabilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma come si indaga la disabilità? "La scala delle attività fondamentali della vita quotidiana - spiega la Usl - , ADL (Activity of Daily Living) è lo strumento che misura la capacità dei soggetti anziani di compiere funzioni fondamentali della vita quotidiana (mangiare, vestirsi, lavarsi, spostarsi da una stanza all’altra, essere continenti, usare i servizi per fare i propri bisogni) che consentono a una persona di vivere in maniera autonoma. La perdita di autonomia in una sola delle 6 ADL è considerata, a livello internazionale, una condizione di disabilità per le persone con più di 65 anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento