Università, premio internazionale per la professoressa perugina: finanziamento da 150mila euro

La Professoressa Luigina Romani conquista il "Proof of Concept Grant": 150 euro di finanziamento dalla UE per sviluppare nuovo prodotto farmacologico

E’ stato assegnato alla professoressa Luigina Romani il “Proof of Concept Grant”, ovvero un significativo finanziamento di 150 mila euro finalizzato ad elaborare e perfezionare gli sviluppi terapeutici dei risultati scientifici ottenuti con il progetto “FunMeta. Metabolomics of fungal diseases: a systems biology approach for biomarkers discovery and therapy”, la ricerca per la quale la Romani conquistò, nel 2012, un prestigioso ERC grant di oltre 2 milioni di euro.

Il “Proof of Concept Grant” è un ulteriore finanziamento che l’European Research Council attribuisce ad alcuni scienziati già vincitori di un ERC, al fine di esploraregli sviluppi terapeutici, commerciali e industriali delle scoperte scientifiche realizzate con l’ERC, al fine di favorire il passaggio di queste ricerche pionieristiche dal laboratorio al letto del paziente, ovvero all’utilizzazione nella pratica: la professoressa Romani è una dei 50 ricercatori - selezionati fra 114 candidati - di 12 paesi europei, che in questi giorni sono risultati assegnatari del premio per la prima convocatoria 2018.

Grazie al nuovo finanziamento, il gruppo di ricerca della Professoressa Romani si occuperà dello sviluppo di un nuovo prodotto, denominato “postbiotico”, in natura prodotto da particolari batteri abitanti la flora intestinale, capace di rafforzare le difese e funzionalità intestinali e pertanto auspicabilmente utile nella prevenzione di molte patologie umane.

“Oltre 235 milioni di persone nel mondo – sottolinea la ricercatrice - soffrono della cosiddetta ‘Sindrome da intestino gocciolante’, una condizione cronica debilitante per la quale, a causa di una eccessiva permeabilità della mucosa intestinale, microbi ed altre sostanze provenienti dal sistema digestivo riescono a passare in circolo, causando tante malattie infiammatorie generalizzate. Grazie alle nostre ricerche – prosegue la Romani - abbiamo individuato che il nostro ‘postbiotico’ ripristina la corretta permeabilità intestinale negli animali di laboratorio: con il nuovo finanziamento approfondiremo le ricerche, con l’obiettivo di unutilizzo farmacologico del postbiotico a fini preventivi e terapeutici. Ancora una volta – conclude la Professoressa Luigina Romani – la conoscenza dei nostri microbi intestinali, nell’insieme chiamati “microbiota”, si conferma essere una nuova ed importante frontiera in medicina”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento