Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Università di Perugia, nuova ricerca: mobilità elettrica, studio dell’efficienza dei veicoli

Genesi Energia ha siglato un accordo di ricerca con il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo

Nuovo orizzonte per i ricercatori dell'Università di Perugia. Il Direttore del Dipartimento di Ingegneria, Ermanno Cardelli, ha presentato a Terni, al corso di laurea in Ingegneria Industriale, il programma di ricerca sulla mobilità elettrica che vedrà coinvolti anche docenti dei corsi di laurea triennale e magistrale in Ingegneria Industriale di Terni.  

La presentazione è avvenuta con la presenza e la partecipazione del Delegato del Rettore per Terni e sedi distaccate Stefano Brancorsini, del Presidente del corso di Laurea in Ingegneria Industriale di Terni Andrea Di Schino e dei tecnici di Genesi Energia.  

Genesi Energia, azienda operante nel settore dell’ingegneria della mobilità elettrica e della produzione, dello stoccaggio e dell’utilizzo dell’energia elettrica da fonti rinnovabili, spiega l'Università di Perugia, ha siglato un accordo di ricerca con il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo, accordo che è entrato nella fase attuativa.

L'accordo "prevede attività di modellistica e analisi sperimentale in applicazioni della mobilità elettrica ed in particolare la messa a punto di modelli predittivi per la stima dell’efficienza di carica in funzione delle condizioni di carica del veicolo e dell’autonomia in funzione del percorso".

I modelli predittivi, abbinati alle verifiche sperimentali, saranno applicati su un’auto elettrica Renault Zoe, messa a disposizione da Genesi Energia.

"L’analisi dell’efficienza e dispersione energetica nella nuova mobilità elettrica è un campo ancora inesplorato - sottolinea Cardelli – che sarà fondamentale per lavorare all’implementazione delle reti di distribuzione dell’energia elettrica sulle strade". 

La ricerca, inoltre, prevede la progettazione e la costruzione di un prototipo di quadriciclo elettrico a pedalata assistita con pannelli fotovoltaici a bordo: la progettazione del telaio superleggero, unita alle fonti di energia rinnovabile a bordo, consentirà di ottenere un’autonomia teoricamente illimitata nei percorsi diurni. 

"Questo studio - prosegue Cardelli - vedrà coinvolti, oltre ai ricercatori del corso di ingegneria industriale, anche i laureandi, i laureati e i dottorandi. L’Università degli Studi di Perugia presso la sede di Terni conta su un numero di laureati molto qualificati, che trovano immediatamente collocazione nel mondo del lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università di Perugia, nuova ricerca: mobilità elettrica, studio dell’efficienza dei veicoli

PerugiaToday è in caricamento