Martedì, 18 Maggio 2021
Attualità

INVIATO CITTADINO Un’estate musicale perugina da dimenticare

Parola del presidente nazionale dell’Agimus Salvatore Silivestro. Musica dal Mondo ridotta al lumicino

Un’estate musicale perugina… da dimenticare. Parola del presidente nazionale dell’Agimus, Salvatore Silivestro. “Musica dal Mondo ridotta al lumicino, con danni per la cultura e l’economia del territorio”, questo il giudizio del maggior organizzatore di eventi musicali a Perugia e dintorni.

Spiegaci, Maestro, i termini di questa déb?cle.

“Musica dal Mondo è l’evento clou dell’estate che richiama pubblico ad una serie di concerti con gruppi musicali provenienti da ogni parte del globo. E, per di più, a ingresso libero e gratuito”.

Ma cos’è successo?

“Causa del guaio la crisi coronavirus, che ha colpito la comunità internazionale. Le disdette dei tour operator sono state la nota dominante del periodo”.

Quanti concerti sono saltati?

“Si fa prima a dire quali NON sono stati annullati”.

Nello specifico?

“Dei 30 concerti previsti, 22 dovevano tenersi nel capoluogo e 8 in altre città”.

Quali le nazionalità coinvolte?

“Inglesi, americani, tedeschi, olandesi, belgi, norvegesi”.

Non ne verrà nessuno?

“Ci saranno solo gli elvetici di Ginevra e l’Accademia barocca di Amsterdam. Questi ultimi hanno una sede nei pressi di Deruta, dove terranno corsi di musica barocca. Per il resto, buio completo. Gli olandesi faranno due concerti (uno degli allievi, uno dei docenti) a Perugia e uno a Deruta, città ospitante”.

E i sempre presenti americani?

“Hanno disdetto in massa”.

Dunque, quanti concerti avremo?

“Ne avremo 8 in tutto, 5 da Ginevra e 3 del barocco di Amsterdam”.

Quali le città interessate?

“Oltre a Perugia, Todi, Deruta, Trevi”.

Il Comune di Perugia contribuirà alle spese?

“Certamente, ma con un budget ridotto, proporzionalmente al limitatissimo numero degli eventi. Qualcosa per service audio-luci, affissioni e Siae”.

Un’estate in tono minore per la musica, ma anche il fallimento di un business, vero?

“Pensa che le compagini di musicisti erano sempre cospicue, con gruppi di 80-100 e perfino 120 persone. Gente che alloggiava, mangiava, creava un indotto consistente in termini di accoglienza e servizi. Purtroppo, quest’anno dovremo procedere col freno a mano tirato”.

Non ci sono possibilità di salvezza?

“Salvataggi in angolo con gli incontri musicali in corso Bersaglieri, fino a tutto luglio (5-12-19) con il concerto vocale da camera della Master Class tenuta da Marinella Pennicchi, borgarola doc, sabato 25 luglio alle 18”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Un’estate musicale perugina da dimenticare

PerugiaToday è in caricamento