Attualità

'Le Iene' in Umbria, Di Canio nel mirino dell'influencer che gli 'ruba' i vestiti e lo insulta: "Fascista!"

L'ex calciatore di Ternana e Lazio, che a Terni ha un negozio di abbigliamento, vittima di uno scherzo organizzato dalla trasmissione di Mediaset

La nuova versione di Paolo Di Canio, pacato commentatore della Premier League e della Serie A su Sky, è andata a 'farsi benedire' per colpa de 'Le Iene Show'. L'ex calciatore tra le altre di Ternana, Lazio, Juventus, Napoli, Milan, Celtic e West Ham ha infatti rindossato i panni del 'guerriero' che vestiva da calciatore durante uno scherzo della celebre trasmissione televisiva di Mediaset. Proprietario di un negozio di abbigliamento in Umbria (l'ex calciatore risiede a Terni insieme alla famiglia), l'anti-social Di Canio (non ha nemmeno un profilo ufficiale) è stato vittima dello staff del programma condotto da Alessia Marcuzzi e Nicola Savino che grazie a un complice ('altro socio del negozio) ha coinvolto l'influencer Marika, che sul suo profilo Instagram (iammissmarika) può vantare oltre 35mila followers.

Scettico su questo tipo di pubblicità Di Canio viene suo malgrado coinvolto da Marika con dei video subito postati su Instagram, e perde la pazienza dopo che l'influencer va via dal negozio con diversi abiti per il valore di circa 6mila euro. Quando l'ex calciatore e il suo socio chiamano l'agenzia per il pagamento della fattura si sentono chiedere in cambio 7.500 euro per il lavoro svolto dalla ragazza che in un altro video lo apostrofa come 'fascista infame'. "Me lo faccio da solo lo sponsor" ribatte Di Canio che perde poi la pazienza quando il fidanzato di Marika gli rinfaccia le esultanze sotto la Curva Sud romanista durante due vecchi derby: "“Io o vojo davanti, er bruto dormiente in me se sta a risveja'” è la reazione dell'ex laziale che per poco non picchia uno dei complici de 'Le Iene'...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Le Iene' in Umbria, Di Canio nel mirino dell'influencer che gli 'ruba' i vestiti e lo insulta: "Fascista!"

PerugiaToday è in caricamento