rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Attualità Foligno

L'INTERVISTA all'attrice Irene Antonucci: "L'Umbria è giovane, attenta ai talenti e piena di entusiasmo. Ecco perchè ho deciso di viverci"

Talentuosa attrice di cinema e teatro, ma attenta anche al self marketing sui social media, Irene è pugliese ma trova in Umbria grande ispirazione e dal 2020 ci abita e ha inaugurato un'attività di comunicazione e servizi web. Dal 31 Ottobre su Canale 5 con Michelle Hunziker

Ci sarà anche un po’ di Umbria alla quarta edizione del fortunato game show musicale "All together now", condotto da Michelle Hunziker ed in programma in prima serata da domenica 31 ottobre su Canale 5: Umbria infatti presente grazie alla partecipazione dell’attrice e regista Irene Antonucci che farà parte, per il secondo anno consecutivo, del "muro", composto da cento personaggi del mondo della musica e dello spettacolo accomunati dalla passione per il canto....

Irene, perché ha scelto di vivere in Umbria ?

"Innanzitutto ci tengo a ringraziarla per questa intervista ed in merito alla sua domanda le rispondo che Roma, dove vivo da diversi anni ormai, rappresenta per me la culla dell’arte e del cinema. L’Umbria, invece, arriva nella mia vita da circa un anno e rappresenta la rinascita, la regione che mi rigenera (letteralmente) con il suo verde, l’entusiamo e questo nuovo filone del cinema, nato con la costituzione dell’Umbria Film Commission, che mi entusiasma. E’ una regione giovane, attenta ai talenti e piena di entusiasmo, oltre che di grandi professionisti".

L'Umbria in qualche modo le è di ispirazione per il suo lavoro?

"Come preannunciato sopra, sì! Quando si parla di rigenerarsi si intende sia a livello umano psicofisico che artistico. Dopo una passeggiata tra le valli, le montagne o i borghi storici, inevitabilmente la creatività viene ispirata dagli input esterni  dando vita a nuove storie, nuovi video e nuove connessioni".

Qual è attualmente il lavoro che la impegna di più?

"Decisamente il cinema, perché non c’è mai un punto di arrivo, ma un continuo lavoro su se stessi: sia per ciò che concerne il lavoro sui personaggi e sull’aspetto della recitazione, ma anche da un punto di vista di Self Managemenet. Questo perché il nostro è un lavoro offline, che prevede una costante presenza nella rete delle connessioni, pertanto siamo sempre i manager di noi stessi, pur avendo una struttura dietro che lavora come un ingranaggio perfetto".

Ci dice come è nato il suo lavoro sulla violenza sulle donne, che ha meritato la finale del Festival CortiSonanti?

"Il corto “Regalati la luce” è uno dei tanti impegni sul sociale che porto avanti da anni. Credo che parlarne non è mai abbastanza, agire non è mai abbastanza, così come sensibilizzare. Sono oltre 3 anni che do il mio contributo su tale tema e non solo, attraverso l’audiovisivo. Ed ora incrociamo le dita per la finale del Festival Cortisonanti che si terrà il prossimo 20 novembre nella cornice del prestigioso Castel Maschio Angioino di Napoli".

Il suo impegno nel sociale verte anche su altri temi?

"Sì, auspico che il mio ultimo spettacolo “40mq”, scritto e diretto da Emiliano De Martino (EDM Produzione e Distribuzione) ed  in cui sono stata coinvolta da attrice protagonista nel ruolo di Luana, abbia una diffusione in tanti teatri d’Italia per  contribuire a sfatare alcuni tabù sull’amore affinché non rappresentino più un problema. Spero che possa essere utile a snodare questa matassa arcaica di pregiudizi".

Chi è Irene Antonucci 

Pugliese (di Trani), occhi verdi, capelli castano chiaro, altezza 171 cm. Laurea in filosofia, master in marketing e comunicazione moda e spettacolo. Accademia in recitazione, doppiaggio e drammaturgia comica. Attrice di cinema, televisione e teatro, regista, influencer, imprenditrice con la passione dei social. Una personalità dinamica e propositiva, affascinata dalla sostanza, incuriosita dalla forma. È questo l’identikit di  Irene Antonucci, che dal 2020 vive e lavora in Umbria dove ha anche avviato, a Foligno, un'azienda di social media marketing.

Artista poliedrica e multitasking, Irene è seguita da oltre 104 mila followers su Instagram ed è attivissima nel suo canale youtube dove realizza anche tutorial e corsi di self marketing per attori.

Premiata a dicembre 2020 come attrice emergente all’ottava edizione del Premio Awards “Vincenzo Crocitti International” e ha ricevuto svariati riconoscimenti ad Hollywood , nel 2021 ha realizzato anche dei cortometraggi di successo: il 14 luglio, nell’ambito del progetto "Opera 2030", è stata premiata in Campidoglio dal sindaco di Roma per il suo mini-corto su una delle bellezze meno note di Roma. In autunno debutta al teatro degli Audaci di Roma nella commedia “40mq” di Emiliano De Martino, torna per il secondo anno consecutivo in prima serata su Canale 5 nel muro di "All together now" e arriva in finale in due concorsi internazionali: il  Digital Media Fest, con  due cortometraggi intitolati "Differenze generazionali" e "Gli angoli nascosti di Roma", e l’International Short Film Festival CortiSonanti, con "Regalati la luce", un cortometraggio contro la violenza sulle donne in cui recita insieme al rapper poliziotto Revman e di cui è regista. 

"L'Umbria è giovane, attenta ai talenti e piena di entusiasmo": così l'attrice Irene Antonucci l'ha scelta per viverci

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'INTERVISTA all'attrice Irene Antonucci: "L'Umbria è giovane, attenta ai talenti e piena di entusiasmo. Ecco perchè ho deciso di viverci"

PerugiaToday è in caricamento