menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia entra nelle Strade dell'olio extra vergine, l'assessore Giottoli: "Strumento di promozione turistica e valorizzazione dei prodotti di eccellenza"

Il presidente dell'associazione Paolo Morbidoni: "Perugia può dare molto sia con la sua rete di aziende di eccellenza sia con un contributo di idee e proposte operative"

Il Comune di Perugia entra nell’associazione della Strada dell’Olio extra vergine di oliva Dop Umbria che da molti anni promuove l'offerta oleoturistica e i suoi territori in tutte le declinazioni.

"Il Comune di Perugia ha nel proprio territorio frantoi di rinomata fama e qualità e intende, nella sua strategia di promozione turistica, valorizzare i prodotti di eccellenza che sono espressione della storia e cultura del territorio – afferma l'assessore al Turismo Giottoli –
La decisione di aderire alla Strada dell’Olio e.v.o Dop Umbria fa parte della strategia di marketing territoriale che vede Perugia non solo capoluogo di regione, ma anche centro propulsore di azioni che guardano oltre i nostri confini e che intendono valorizzare l’ambito territoriale più vasto che va dal Trasimeno a Perugia ed i comuni limitrofi".

L'adesione giunge dopo un colloquio con il presidente dell’associazione Paolo Morbidoni, con il quale si è discusso delle sinergie da sviluppare grazie all’avvio della collaborazione.

"Come associazione non possiamo che esprimere apprezzamento per la scelta del Comune di Perugia di entrare nel circuito oleoturistico regionale – spiega il presidente Morbidoni - La Strada dell'Olio può dare molto a Perugia, forte della sua reputazione, operatività e comunicazione sul brand regionale, e Perugia può dare molto alla Strada, sia con la sua rete di aziende di eccellenza, che sono già dentro alla rete, sia con un contributo di idee e proposte operative".

La Strada dell'Olio si è resa protagonista di numerose attività e progetti, tra cui la manifestazione “Frantoi Aperti in Umbria” e punta a rafforzare il ruolo delle aree fortemente identitarie per quanto riguarda la produzione dell'olio, come il territorio della fascia olivata Assisi-Spoleto e quello del Trasimeno, cui si aggiunge adesso il Perugino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento