menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Ogr di Foligno, tavolo con i sindacati per discutere dei piani di Trenitalia per il futuro

Cgil e Ugl porteranno all'incontro le richieste del settore: investimenti, garanzie per i posti di lavoro e ammodernamento

Investimenti strutturali, assegnazione di nuovi treni, assunzioni di personale, confermando il ruolo nazionale delle OMC di Foligno in un quadro di totale collaborazione con la Regione Umbria. Sono questi i punti qualificanti ed importanti definiti al termine del confronto fra l’assessore regionale alle infrastrutture e trasporti Enrico Melasecche ed i tecnici della Regione Umbria con i vertici nazionali di settore di Trenitalia, l’ing. Marco Caposciutti, responsabile della Direzione Tecnica di Trenitalia, la dott.ssa Sabrina De Filippis, Direttore Divisione Passeggeri, l’ing Antonio Bernardini, Direttore delle OMC di Foligno ed altri dirigenti di settore.

Sul futuro delle Omc (ex Ogr di Foligno) arriva la convocazione dei sindacati da parte della Regione. “Abbiamo finalmente ottenuto quello che da tempo chiedevamo e cioè di portare in Regione la discussione sul grande nodo del futuro delle Officine di Foligno, con particolare attenzione alla tenuta occupazionale del sito”, afferma Ciro Zeno, della segreteria Filt Cgil Umbria. La convocazione dei sindacati, insieme all’azienda e al sindaco di Foligno, è per mercoledì 31 marzo alle ore 14.30 in II Commissione consiliare.

“In Regione porteremo le preoccupazioni nostre e dei lavoratori delle Omc - conclude Zeno - un sito che rischia la chiusura tra quattro o cinque anni, se non verranno realizzati i progetti di ammodernamento necessari. Le istituzioni, Regione in testa, non possono continuare ad essere indifferenti rispetto al destino delle Omc, la cui sopravvivenza è assolutamente fondamentale non solo per il territorio di Foligno, ma per l’intera Umbria”.

Secondo l’Ugl ferrovieri il futuro si fa “più roseo”. “Apprendiamo dall'assessore regionale Melasecche che Trenitalia ha finalmente sciolto i dubbi sul futuro dell'officina OMC di Foligno ed ha garantito investimenti strutturali, ma soprattutto assunzioni di nuovo personale. Tematiche già più volte chieste dalla nostra organizzazione e che finalmente vengono accolte riaccendendo una luce dopo anni di oscurità, perché è giusto ricordare che a Foligno in passato lavoravano circa mille persone, ma con il tempo il numero degli operai è drasticamente calato di circa il 70% - afferma Marco Turcheria segretario regionale Ugl ferrovieri - Adesso ci aspettiamo che le promesse aziendali diventino fatti, che vengano attivate tutte le procedure per ristrutturare in fretta il polo e si provveda alle assunzioni, le quali darebbero nuovo slancio all'Officina. L'obiettivo è riportare l'impianto ad essere un punto di riferimento nazionale nel settore manutentivo ferroviario”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento