Trasimeno, moscerini e polemiche: il peggio a settembre. L'esperto: "Ecco perchè è impossibile eliminarli"

Il punto sui chironimidi da parte del dipartimento di Prevenzione della Usl Umbria 1

foto Silvana Agozzino, sciame a Castiglione

Se giugno e luglio al Trasimeno non c'è stata una maxi concentrazione di fastidiosi moscerini (i chironomidi che a differenza delle zanzare e pappataci non pungono), ad agosto invece sciami impressionanti hanno creato molti disagi ai ristoranti e residenti nelle di zone di Magione e infine di Castiglione del Lago. Famigle, come denunciano molte, costrette a blindare la propria abitazione (nel mese più caldo) per evitare che lo sciame di moscerini prendesse possesso del salotto. Impressionanti le foto postate sui social da residenti: muri e finestre completamente coperti da chironomidi.

Ma per chi vuole o chi vorrà vivere al Lago la situazione, per quanto migliorata dai trattamenti larvacidi biologici, si ripeterà sistematicamente negli anni a venire. Lo ha ammesso e spiegato l'Usl Umbria 1 con una nota ufficiale dopo le proteste dei cittadini. “Non è possibile – spiega Alessandro di Giulio del dipartimento di prevenzione della Usl Umbria 1 - eliminare i chironomidi dal Lago Trasimeno, in quanto elemento dell'ecosistema lacustre e quindi il fenomeno di una o due sciamature annuali avverrà sempre, ma attraverso i trattamenti delle coste con prodotti esclusivamente biologici, si cerca di diminuirne l'impatto in termini di durata e persistenza”.

Il peggio deve ancora venire secondo gli esperti: la metà di settembre sarà caratterizzata da sciami di chironomidi lungo il Trasimeno. "Il dipartimento di prevenzione - si legge nella nota deel'Usl Umbria 1 - comunica che, per limitare l'ultima sciamatura prevista verso la metà del prossimo mese, i trattamenti continueranno fino alla prima settimana di settembre e ricorda di limitare quanto più possibile le fonti luminose bianche che attirano maggiormente i chironomidi rispetto alle luci gialle".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto per non creare danni al turismo sono in arrivo le locandine in italiano e in inglese per informare i turisti su questi moscerini. “L'informazione è molto importante - spiega il presidente dell'Urat Michele Benemio – in quanto i turisti a volte confondono i chironomidi con le zanzare e si preoccupano. Queste locandine ci aiuteranno a tranquillizzare i villeggianti sul fatto che in realtà gli insetti del lago, contrariamente alle zanzare, non pungono". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Un'azienda perugina protagonista al matrimonio vip di Elettra Lamborghini sul Lago di Como

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento