rotate-mobile
Attualità

Turisti traditi dal navigatore e incastrati per le vie della città: "Si possono fare le scalette con l'auto?"

In via Campo Battaglia diverse auto ogni giorno si trovano in difficoltà, raschiando la carrozzeria sui muri dei palazzi o seminando specchietti e cocci di fanalini

Il navigatore satellitare è una grande invenzione, ma è sempre bene tenere gli occhi aperti, guardando i segnali stradali e la strada che si restringe.

Nonostante i segnali di zona a traffico limitato, due cantieri in corso e i tavoli all’aperto di un locale, ogni giorno almeno tre auto imboccano via Campo Battaglia con l’intenzione di proseguire verso piazza Italia, percorrendo le scalette di Sant’Ercolano, per poi salire per viale Indipendenza.

Ogni giorno c’è qualcuno che si incastra, non riuscendo a fare la svolta a sinistra per via Guerriera, lasciano pezzi di fanale o specchietti nel fare manovra, o raschiando la carrozzeria. Qualche residente di buon cuore cerca di aiutare, consigliando la manovra o soccorrendo nella retromarcia.

“Ma io devo andare in piazza Italia” diceva una turista quasi in lacrime non sapendo come uscire dal labirinto, sconsolata di fronte agli ostacoli di paletti, pedane e scale.

Un automobilista, non di Perugia, seguendo il navigatore è entrato in via Campo Battaglia, pensando di poter arrivare fino in cima per risalire in centro attraverso le scalette di Sant’Ercolano. Di fronte ai paletti (e ai tavoli di un ristorante) ha dovuto fare marcia indietro, lasciando pezzi di fiancata e specchietti retrovisori sui muri della via.

Altri turisti, italiani e stranieri, arrivano ai paletti davanti a Sant’Ercolano e si trovano la strada sbarrata, con il navigatore che li indirizza a oltrepassare la chiusura, percorrere le scalette e riprendere la strada per piazza Italia. Essendoci i tavoli di un ristorante, però, sono costretti a fare marcia indietro. “Non sa quante volte, quando viene smontata la pedana quanto auto ho visto fare le scalette di Sant’Ercolano” racconta un residente rassegnato.

Ieri pomeriggio, sotto la pioggia incessante un automobilista è arrivato fino ai paletti, davanti ai tavoli del ristorante, si è guardato attorno, ha provato a fare la svolta, poi ha deciso di tornare indietro in retromarcia, sbattendo sui gradini dei portoni e raschiando sulle pareti dei palazzi.

Il giorno prima un altro automobilista, nel fare marcia indietro, ha trascinato per tutta la via le buste e i mastelli della spazzatura della raccolta porta a porta (che si mettono a lato dei portoni).

Traditi dal navigatore e incastrati in via Campo Battaglia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turisti traditi dal navigatore e incastrati per le vie della città: "Si possono fare le scalette con l'auto?"

PerugiaToday è in caricamento