Domenica, 17 Ottobre 2021
Attualità Magione

INVIATO CITTADINO Se 150 anni vi sembran pochi. Il teatro Mengoni celebra il secolo e mezzo di vita con una grande stagione

Ben sei le esclusive regionali, due produzioni dello Stabile, due spettacoli di danza non scontati

Se 150 anni vi sembran pochi. Il teatro Mengoni di Magione celebra un grande anniversario con una stagione di lusso. Il genetliaco è quello della sua inaugurazione, avvenuta il 21 ottobre di un secolo e mezzo or sono.

Data in cui apre alla grande con “La tragedia è finita, Platonov”, di Liv Ferracchiati, che tanti consensi ha raccolto al Festival della Biennale di Venezia.

Ben sei le esclusive regionali, due produzioni dello Stabile, due spettacoli di danza non scontati. Ricordiamo peraltro che va al direttore artistico Gian Franco Zampetti il merito di aver fatto da apripista sulla danza, le residenze e tanto altro.

Due ritorni di rango nella patria di Fra’ Giovanni. Alessandro Benvenuti, con “Panico ma rosa”, una divertente riflessione sul lock down e sulle condizioni psichiche e materiali di tutti noi

Torna anche Amanda Sandrelli che avemmo modo di ammirare con Blas Roca Rey,  in “Xanax”, una commedia che si dipana dentro un ascensore, fra sorrisi e drammi, amori e disamori. Stavolta Amanda porta “Lisistrata”, riscritta, ma nel rispetto della vocazione pacifista e ironica del grande Aristofane.

E ancora un “Mistero buffo” di Dario Fo con Matthias Martelli che ripropone il lazzo e lo sghignazzo, ironico e poetico del grande Dario, amico di Perugia e di Sergio Ragni, nella cui casa si conservano i disegni che realizzò per Malacucina.

E ancora la nostra produzione “La signorina Giulia”, il “Pulcinellesco” di Valerio Apice, Maria Amelia Monti che propone “La parrucca” della Ginzburg, un’altra amica di Perugia.

Si chiude, giovedì 7 aprile, con “Mi amavi ancora” di Florian Zeller, che vede in scena Ettore Bassi e Simona Cavallari.

Una stagione sulla quale avremo modi di tornare con note puntuali, post eventum.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Se 150 anni vi sembran pochi. Il teatro Mengoni celebra il secolo e mezzo di vita con una grande stagione

PerugiaToday è in caricamento