menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Bevignate, il Tar dice di nuovo sì allo studentato della vergogna: e l'Adisu esulta

Accolto il ricorso dell'agenzia regionale contro il no della Soprindentenza: ora il Comune farà davvero ricorso al Consiglio di Stato?

Lo studentato a San Bevignate? Avanti tutta. Il Tar dell’Umbria, con la sentenza del 16 agosto, riapre i giochi. E adesso il Comune di Perugia cosa farà? Ricorrerà al Consiglio di Stato, come aveva annunciato?

Perché il tribunale ha accolto il ricorso dell’Adisu contro il ‘no’ della Soprintendenza per la costruzione dello studentato in via Enrico dal Pozzo, a Perugia, e ha nominato il Prefetto di Perugia commissario ad acta. E l’Adisu, con il commissario straordinario Maria Trani, esulta: “Ancora una volta il Tar dell’Umbria conferma la correttezza delle azioni e degli atti assunti dall’Agenzia regionale per il diritto allo studio universitario e dei provvedimenti a suo tempo assunti dalla Regione Umbria”. E l Commissario Trani  ha inoltre colto l’occasione della sentenza per esprimere “un particolare apprezzamento” per l’avvocato Giorgio Vercillo che ha curato la difesa di Agenzia.

Ora che si fa? Si costruisce? Si ricorre di nuovo? Lo studentato che nessuno voleva più si farà? La situazione di quasi stallo alla messicana tra Comune, Adisu (e Regione) e Soprintendenza riparte sotto al sole di agosto.

Qualche mese fa, Palazzo dei Priori descriveva così la scelta del no: “Non vi è più rispondenza tra l’intervento proposto e l’attuale contesto sociale ed ambientale. Le esigenze ambientali di quell’area, sia dal punto di vista naturalistico che storico-culturale, data la vicinanza al complesso monumentale di San Bevignate, esempio unico in Italia della storia templare, sono, infatti, prioritarie rispetto a quelle abitative per lo studentato, per le quali, oggi, possono essere individuate altre soluzioni, alla luce anche dei cambiamenti avvenuti in città in termini di servizi e nuovi alloggi”. Quindi, ricorso? Di nuovo? E una domanda ancora irrisolta: chi pagherà le penali se i cantieri non dovessero iniziare?    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento