rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Attualità

Strada Ponte Rio, qui crolla tutto. Pezzi di muro a secco piombano a terra sotto la Porta del Bulagaio. Occorre stabilizzare

Strada Ponte Rio, qui crolla tutto. Pezzi di muro a secco piombano a terra sotto la Porta del Bulagaio.

Il problema non è nuovo ma, negli ultimi giorni, ha assunto caratteri di maggiore gravità. Tanto che il Comune di Perugia ha incrementato il numero dei dissuasori che ormai ammontano a una cinquantina.

Sostituiscono il new jersey che, in questo punto, sarebbe difficile posizionare, vista la notevole pendenza della strada.

Il muro a secco che sovrasta quello solido in muratura perde pezzi. Comprensibile, essendo stato realizzato alla buona, come sostegno a valle di appezzamenti un tempo destinati a colture legnose di viti e ulivi.

Ma il fatto è che quella zona è da anni sottoposta alla pressione dei numerosi mezzi. Soprattutto vetture che vengono parcheggiate nel tratto basso del Parco Sant’Angelo. Parcheggio affollatissimo, in quanto gratuito e ai piedi dell’acropoli.

Senza contare le sollecitazioni che provengono anche da valle. Essendo questo tratto trafficatissimo, in quanto costituisce una comoda bretella, alternativa alla via Eugubina, per raggiugere l’acropoli, passando da piazza Fortebraccio.

Ormai da anni qui erano posizionati dissuasori e transenne. Ma ora, oltre ad essere stati incrementati di numero, sono stati piazzati più al centro della carreggiata, per tenere al riparo da ripetuti crolli i veicoli in salita.

Nei giorni scorsi abbiamo visto un’autobotte recante acqua per colmare i contenitori bianco-rossi che delimitano la zona a rischio. Di acqua ce n’è voluta parecchia, dato l’alto numero dei recipienti. Ma c’è anche da dire che sono stati riempiti fino all’orlo per poterli tenere saldi al terreno, evitando scivolamenti a valle, dovuti alla forte pendenza della strada.

E meno male che la via è percorsa a senso unico in salita.

Stando così le cose, l’intervento di consolidamento e messa in sicurezza assume caratteristiche di necessità e urgenza. Impellenza giustificata dal fatto che la situazione peggiora ogni giorno. In caso di piogge prolungate, questo muretto, tenuto su da terra e radici secche, potrebbe precipitare rovinosamente a valle.

D’altronde, la storia dimostra come la zona sia connotata da un equilibrio precario fin dall’antico. Proprio a una frana è dovuta, come atto devozionale, la costruzione della chiesetta campestre dei Cenciarelli poco sotto. Intorno all’edicola rurale, fu edificata la chiesa con dedica alla Vergine per aver salvato la vita a due pastori travolti da una frana imponente. Ed è di qualche anno fa un poderoso smottamento nella zona a valle dei Cenciarelli. Corsi e ricorsi. C’è da augurarsi che l’auspicabile, rapido intervento preceda o eviti deprecabili esiti del genere.

Bulagaio, subito un intervento di messa in sicurezza

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada Ponte Rio, qui crolla tutto. Pezzi di muro a secco piombano a terra sotto la Porta del Bulagaio. Occorre stabilizzare

PerugiaToday è in caricamento