Stagione venatoria, in Umbria salta la "prima" e Federcaccia non ci sta: "Diritto sottratto"

Il presidente regionale Selvi: "Incappati in una strana congiuntura che ha penalizzato tutti noi"

L'Ispra non fornisce il parere obbligatorio e saltano le modifiche al calendario venatorio regionale, preapertura al 1 settembre compresa. E insorgono le associazioni di cacciatori.

"Abbiamo appreso, certamente con delusione, che la Regione Umbria non ha ancora ricevuto il parere dell'Ispra circa la preapertura della stagione venatoria 2019-20. Ciò ci addolora anche se non ci stupisce più di tanto: sta di fatto che, almeno per quanto riguarda la prima delle due giornate programmate per la preapertura domenica primo settembre - dice il presidente Selvi - non si potrà esercitare l'attività venatoria. Resta da vedere se l'Ispra invierà o meno il parere alla Regione, se non altro, entro un tempo utile per la seconda giornata prevista per la preapertura, vale a dire domenica 8 settembre. Come associazione venatoria possiamo, purtroppo, fare veramente poco in questo senso, salvo appellarci alla politica e ai suoi rappresentanti affinché si attivino presso l'Istituto di Bologna".

Federcaccia Umbra ringrazia "il consiglio regionale uscente e l'assessore delegato Fernanda Cecchini, poiché grazie al loro lavoro è stato possibile dar vita al Piano Faunistico-Venatorio regionale, che sarà il piano regolatore della caccia in Umbria per i prossimi cinque anni. E' vero, siamo inciampati in una congiuntura strana che ha impedito ai cacciatori di esercitare un loro sacrosanto diritto: purtroppo può succedere. Ed è successo".

Federcaccia ricorda anche che "avevamo chiesto queste due giornate di preapertura, come ribadito anche lo scorso 23 luglio, con il vicepresidente regionale vicario Bacaro e i due presidenti provinciali di Perugia e Terni, Spigarelli e Piccioni. Avevamo chiesto le due giornate, lasciando alla Regione il compito di decidere di quali specie consentire l'abbattimento. La nostra non era una richiesta formulata così, tanto per sparare: volevamo due giorni durante i quali i cacciatori avrebbero potuto decidere se andare a caccia o fare altro. Averli privati di questo loro diritto sacrosanto è una sconfitta per tutti, fermo restando il fatto che la legge quadro nazionale 157/92 stabilisce, è bene ricordarlo, che andare a caccia è un diritto, e non un reato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Travolto e ucciso da un'auto in superstrada: Fabrizio muore a 45 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento