rotate-mobile
Attualità

LA CITTÀ CHE CAMBIA - Sport, integrazione e miglioramento della vivibilità del quartiere con il progetto "Il Ponte dell'incontro"

Presentata l'iniziativa dell'AS Pontevecchio, unica società umbra ad essere risultata vincitrice del bando con finanziamento per 50mila euro

Il progetto “Il Ponte dell’incontro” è stato ammesso a finanziamento nell’ambito dell’intervento “Io vengo dallo sport” realizzato all’interno dell’iniziativa nazionale “Sport ed integrazione”. Si tratta di un progetto dell’AS Pontevecchio, unica società umbra ad essere risultata vincitrice del bando con conseguente finanziamento per 50mila euro.

All’incontro di presetnazione hanno partecipato il sindaco Andrea Romizi, l’assessore allo sport Clara Pastorelli, la rappresentante di Sport e Salute per l’Umbria Sara Falcinelli, il presidente della Pontevecchio Nicola Albisi ed il responsabile del progetto Emiliano Spazzoni.

“Complimenti per questa storia e per il successo ottenuto oggi con l’ammissione al finanziamento, frutto del lavoro di chi oggi sta continuando a scrivere la storia e di chi nel passato ha contribuito a scriverla – ha detto il sindaco Romizi - Il progetto della Pontevecchio si inserisce perfettamente in una strategia complessiva, coniugandosi ad esempio con il Pinqua, azione che ha il medesimo scopo, ossia modificare la qualità dell’abitare a 360 gradi e non solo dal punto di vista edilizio”.

Ecco il progetto “Il Ponte dell’incontro”.

Il progetto “Il ponte dell’incontro” si pone l’obiettivo di offrire attività sportive ed educative nel presidio “Campo sportivo Pontevecchio ASD”, creando un’alleanza tra soggetti pubblici e privati, per il rafforzamento di presidi sportivi già esistenti che verranno trasformati in spazi di prossimità, aperti e polifunzionali, in cui realizzare attività sportive e sociali gratuite aperte a i cittadini di tutte le età, e in particolar modo ai giovani adolescenti di origine straniera e con background migratorio.

Verranno proposte attività sportive gratuite per un periodo di 8 mesi da maggio 2023 a gennaio 2024 (tranne agosto) diversificate e su più discipline. Spiccano i percorsi sportivi: calcio per bambini/e dai 5 ai 12 anni; ginnastica+calcio per bambini/e da 12 a 15 anni; atletica +calcio per ragazzi/e 16 a 17 anni, body building + calcio per adulti e donne over 18; ginnastica artistica per bambini/e dai 5 agli 8 anni; ginnastica artistica per ragazzi dai 9 ai 15 anni.

Ai percorsi sportivi si aggiungono ulteriori 3 sport, tennis tavolo, freccette e tiro alla fune, praticati durante le attività sportive dei centri estivi a luglio 2023, di seguito indicati: tennis tavolo+calcio per bambini/e dai 5 ai 15 anni, durata 2 settimane; tiro alla fune+calcio per bambini/e dai 5 ai 15 anni, durata 2 settimane; freccette+calcio dedicato a bambini/e dai 5 ai 15 anni, durata 2 settimane.

In aggiunta sono previste attività volte all’inclusione di bambini/e e ragazzi/e dai 5 ai 17 anni, donne e adulti straniere e con background migratorio tramite: cinema e sport per l’integrazione svolta in collaborazione con il partner Anonima Impresa Sociale soc. coop. nell’ambito delle proiezioni estive della rassegna Arena FuoriPost; feste dello sport per l’integrazione ossia eventi che prevedono esibizioni di giovani sportivi/e sulle discipline oggetto dell’intervento, possibilità di provare alcuni sport, incontro con operatori sanitari del partner Croce Bianca per la promozione della salute attraverso lo sport; incontri aperti alle famiglie e alla comunità con esperti su corretti stili di vita e prevenzione incidenti stradali sul rispetto delle regole e valori positivi dello sport.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LA CITTÀ CHE CAMBIA - Sport, integrazione e miglioramento della vivibilità del quartiere con il progetto "Il Ponte dell'incontro"

PerugiaToday è in caricamento