menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindacato dei pensionati affitta le 'vele' per fare guerra al Comune: "Fermiamo il degrado di Perugia"

Una vera e propria dichiarazione di guerra alla Giunta Romizi da parte della Cgil

Il sindacato a testa bassa contro l’amministrazione comunale di Perugia. Al grido di battaglia: “Fermiamo il degrado di Perugia”. La CGIL, nella componente SPI (Sindacato pensionati Italiani), noleggia un mezzo pubblicitario collocato in zona Pian di Massiano, sotto la rotaia del minimetro, per una maggiore visibilità. Lo si intercetta uscendo dalla rotatoria Martiri di via D’Amelio, di modo che lo vedano quanti si direzionano verso Ferro di Cavallo e la zona Menchetti, notevolmente
frequentata.

Si spara ad alzo zero. Quali le accuse, scritte e caratteri cubitali, rivolte all’amministrazione in carica? Si legge: “Meno trasporti, meno investimenti, meno sicurezza, meno servizi, meno decoro urbano”. Citando, in chiave polemica, quelli che sono stati i punti di forza della campagna elettorale, specie alle voci “sicurezza e decoro urbano”. Ma c’è anche un “più”. Si segnalano infatti: “Tariffe aumentate, tasse comunali al massimo”.

A chiudere il corposo “cahier de doléances”, la ciliegina sulla torta che fa riferimento, in color rosso acceso, alle “Opere incompiute”, fra le quali si segnalano il Mercato Coperto e Monteluce. Una serie di puntini sottintendono altre incompiute sulle quali si è evidentemente deciso di sorvolare. Questa la posizione di uno dei sindacati più rappresentativi. Arriverà risposta?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento