La protesta della scuola: docenti in piazza per garantire la ripresa a settembre

I sindacati Cgil, Cil, Uil, Snals e Gilda: "Il ministro Azzolina ha ignorato tutte le nostre richieste e vara un decreto con norme inattuabili"

Uno sciopero “politico” per richiamare l’attenzione sulla scuola e per non “accontentarsi”, a settembre, di una riapertura a metà.

I sindacati, Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda, hanno proclamato lo stato di agitazione dopo che proposte, iniziative e richieste non sono state prese in considerazione né dal ministro né dal Governo.

Questa mattina, sotto i portici del Palazzo della Provincia a causa del maltempo, si sono ritrovati i responsabili provinciali dei sindacati (Domenico Maida, Cgil; Erica Cassetta, Cisl; Lucia Marinelli, Uil; A. Rita Di Benedetto, Snals; Sante Pirrami, Gilda) chiedendo risposte per gli alunni, i genitori e tutti i lavoratori della scuola. “Abbiamo dimostrato senso di responsabilità anche quando i provvedimenti presi o meglio, la mancanza di interventi da parte dell'amministrazione centrale stavano lasciando le scuole, i dirigenti scolastici, i docenti, il personale Ata nella solitudine e nel disorientamento – dicono i rappresentanti sindacali - Arrivati quasi alla fine dell'anno scolastico, dopo l'ennesimo incontro in cui, a partire dalla ministra Azzolina e dalla maggioranza di Governo, non sono state garantite risposte reali e concrete alle problematiche poste, si è arrivati allo sciopero”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quali sono le condizioni della scuola? Un docente su 5 è precario, l’assenza delle condizioni di sicurezza per la ripresa a settembre, l'inadeguatezza degli organici docenti ed Ata, l'insufficienza degli spazi ed l'inadeguatezza degli edifici scolastici, il sostegno degli alunni con disabilità, l'organizzazione del tempo scuola e dei gruppi classi e l'esigenza di una nuova organizzazione pedagogico-didattica, la rimodulazione dei trasporti per rispondere all'ipotesi di turnazione delle classi. E mancano pochi mesi al nuovo anno scolastico, con il decreto Scuola valutato “decisamente insufficiente”, con il rinvio del concorso e del tentativo di stabilizzazione dei precari con almeno tre anni di insegnamento.

Le indicazioni, le raccomandazioni urgenti e i suggerimenti presentati al ministro dell’Istruzione giacciono inascoltati, cercando di fronteggiare il problema principale: per riaprire le scuole il prossimo settembre in sicurezza servono spazi per garantire il giusto distanziamento. La situazione in Umbria è disastrosa: “I nostri edifici scolastici risultano inadeguati a garantire quella distanza di almeno 1 metro che anche l'Organizzazione mondiale della sanità ritiene essere quella corretta per garantire sicurezza – dicono i sindacati - Serve una ricognizione attenta delle 138 istituzioni scolastiche della regione per rilevare la superficie degli 800 plessi e rapportarla al corretto distanziamento”.

Per non parlare delle “classi pollaio”, cioè con 27/28 alunni in media, che si può affrontare solo con la riduzione del gruppo classe, quanto meno per l'Infanzia e la Primaria dove la relazione educativa in presenza è fondamentale. Anche gli studenti più grandi, però, hanno diritto a tornare in aula. “I 115.000 alunni della nostra regione raggruppati in 5.700 classi avranno bisogno di una organizzazione logistica e pedagogico-didattica che non potrà essere quella consueta e quindi di docenti che, mettendo a frutto le esperienze di questi mesi, potranno meglio utilizzare anche nuove metodologie e nuovi strumenti - proseguono i sindacati della scuola - I 9.500 docenti attribuiti alle scuole sono assolutamente insufficienti a far fronte alla riapertura delle scuole. Dovranno essere aumentati di circa 1.500 posti” e non 350 come risulta dai posti in organico di fatto.

Discorso a parte per i 4.184 alunni con disabilità per i quali la didattica a distanza è deleteria e i docenti di sostegno, che cambiano ogni anno: “Gli alunni con disabilità devono stare in classe con i loro compagni per una crescita comune che vale per tutti” dicono i sindacati chiedendo più posti per il sostegno e una maggiore sinergia tra famiglie, scuola, sanità, enti locali. Mentre la soluzione proposta dal decreto Scuola, con i docenti di sostegno che svolgono l'attività didattica a domicilio, è inattuabile.

Capitolo collaboratori scolastici. Per mantenere le condizioni di sicurezza per contrastare la diffusione del contagio da Covid-19 significa anche intensificare la pulizia e l'igienizzazione degli ambienti scolastici, ma il personale è ridotto ai minimi termini e serve un intervento normativo che circoscriva la responsabilità del dirigente scolastico e del personale della scuola limitando la responsabilità penale solo al dolo ed alla colpa grave.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La crisi pandemica deve diventare occasione per affrontare problemi annosi della nostra scuola: scuole più sicure, più belle, con un numero di studenti adeguato, facilmente raggiungibili, aule più attrezzate significano benessere e sicurezza dei nostri alunni e del personale scolastico senza il quale non c’è scuola, non c'è futuro” concludono i sindacati.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento