Presentata, a Ponte San Giovanni, l’opera scultorea di Paolo Ballerani Il cavaliere triste

Verrà donata al Comune per essere collocata nell’atrio del costruendo Centro socio-culturale

Presentata, a Ponte San Giovanni, l’opera scultorea di Paolo Ballerani “Il cavaliere triste”. Verrà donata al Comune per essere collocata nell’atrio del costruendo Centro Civico.

Un’opera che ha carattere di assoluta originalità e che si distingue per la profondità del messaggio. D’altronde il suo autore è accreditato da una lunga militanza sotto le fila delle Arti pittorica e scultorea.

Il significato è di valenza pacifista, col cavaliere, stanco di tante lotte, che al posto della spada stringe in pugno una rosa rossa.

Una serata che è riuscita a coniugare l’arte figurativa con quella musicale. Al Parco Bellini si è infatti celebrata una serata dedicata alla musica di Battisti.

Sul palco tre gruppi: la Mina perugina Antonella Falteri col chitarrista Fabio, i complessi “Le Piovre” e “I Premiers”. Collegati dalle dotte dissertazioni di Giuseppe Bambini su Lucio Battisti, sulla sua opera, sulla genesi delle sue canzoni e sui rapporti artistici e umani con Mogol.

Il tutto accompagnato da una grande tavolata, piena di amici, gratificati da una pizza e da una fetta di cocomero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Col valore aggiunto della musica, ha giganteggiato il Cavaliere Triste, esposto nella sede del Centro socio-culturale 1° maggio. Ad onorare l’opera, il presidente Roberto Baldassarri, i finanziatori dell’opera Leonardo Belardi e Mila Breccolenti, in veste di fondatori e amministratori del Gruppo facebook “Ponte San Giovanni da Borgo a paese”, il moderatore Vittorio Cambiotti, l’amico attore Leandro Corbucci, l’Inviato Cittadino, titolato da un antico sodalizio coi ponteggiani. Più tanti invitati che hanno espresso il comune auspicio di poter vedere l’opera collocata in un degno contesto. Quale, appunto, sarà il Centro Civico che potremo vedere entro un anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento