menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Accademia di Belle Arti conquista un nuovo e prestigioso spazio: sarà la casa di due nuovi corsi e non solo

Taglio del nastro per il Polo Santa Chiara, in via Tornetta. Uno spazio di 1500 metri quadrati, già sede di un antico monastero. Il presidente dell'Aba: "Sono aumentati gli iscritti"

Una nuova, splendida succursale di oltre 1500 metri quadrati, sarà la casa delle scuole di design e scenografia, ma anche  dell'AbaFabLab e dell’archivio libraio della Provincia di Perugia con uno spazio di consultazione e lettura, comprensivo dell’antico fondo dell’ex biblioteca psichiatrica. Taglio del nastro per la succursale dell'Accademia di Belle Arti di Perugia, inaugurata questa mattina in via Tornetta, negli spazi di proprietà della Provincia di Perugia., già sede di un monastero del '400 e poi, in tempi recenti,  delll’Università dei Sapori e del servizio risorse idriche della Regione.

Un immobile di prestigio, dunque, quello che ospiterà il “Polo Santa Chiara” dell’Accademia di Belle Arti di Perugia. “Questo ampliamento – ha sottolineato il Presidente dell’Aba, Mario Rampini – si è reso necessario per l’aumento del numero di iscritti registrato negli ultimi anni che ha determinato la conseguente necessità di individuare nuovi spazi utili per le attività didattiche”.

Nel polo Santa Chiara avranno sede i corsi di design che sarà articolato  in progettazione artistica per l’impresa, fashion design, e scenografia con l'intento di andare incontro alle esigenze del mondo economico, valorizzando le eccellenze del territorio. Nel corso dell'inaugurazione, il presidente Rampini ha voluto sottolineare che l'Accademia "gode di ottima salute" e che intanto prosegue il progetto per la statizzazione dell’istituto. 

Il direttore Paolo Berardi, intervenuto alla conferenza, ha spiegato come uno degli obiettivi del suo mandato sia stato quello “di rinserrare i rapporti tra l’Accademia e la città. E ora, con l’apertura del Polo Santa Chiara, “si restituisce alla vita quotidiana una componente fondamentale del Rione di Porta Santa Susanna”.

Per il Comune di Perugia – ha dichiarato il presidente del Consiglio comunale Leonardo Varasano – l’inaugurazione  rappresenta un motivo di soddisfazione. Sia perchè l’ampliamento è conferma del fatto che cresce l’Accademia, ma anche per riqualificazione dell’immobile che ha consentito di riaprire uno dei luoghi civico-religiosi più significativi della città. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento