rotate-mobile
Attualità

Festa di santa Chiara, il vescovo Maffeis visita i tre monasteri delle Clarisse presenti in diocesi

L'11 agosto ricorre il 770esimo anniversario della morte della fondatrice dell'Ordine francescano femminile

Il vescovo di Perugia monsignor Ivan Maffeis visiterà i tre monasteri delle Clarisse che si trovano nella diocesi: Sant’Agnese in Porta Sant’Angelo, Santa Maria di Monteluce in Sant’Erminio di Perugia e di Santa Lucia di Città della Pieve.

L'arcivescovo sarà a Sant’Agnese alle ore 8, a Santa Lucia alle 11, e, nel pomeriggio, in quello di Santa Maria di Monteluce alle ore 18. Una visita, quella dell’arcivescovo perugino-pievese, per esprimere la gratitudine dell’intera comunità diocesana a queste donne che hanno fatto la scelta di donarsi completamente a Dio nell’abbracciare la regola della loro Santa fondatrice. Donne dedite alla preghiera incessante, alla contemplazione delle Sacre Scritture e alle opere di carità nel condividere quello che hanno (anche grazie a tanti benefattori) con quanti bussano (sono sempre di più) alla porta dei loro monasteri dove si trovano 57 monache clarisse, insieme a 4 professe di voti temporanei e ad una postulante.

"Molte persone affidano alle nostre preghiere tante situazioni di sofferenza… Viviamo in mondo con tanta solitudine dove la comunicazione è facilissima, ma, al contempo, è superficiale e con scarso rispetto. Molti chiedono di essere accompagnati in un cammino di fede e di senso di dare alla propria vita, spesso segnata da dolori, inquietudini, povertà - raccontano le clarisse- è molto importante per la stessa vita della Chiesa e del mondo, perché luogo di incontro con Dio in un momento di confusione, di conflitto che l’umanità sta vivendo. Santa Chiara, una piccola donna ma forte, che ha incontrato Dio senza fare tanto rumore, ci sostiene nell’indicarci una via da seguire per incontrarlo. Tante persone, anche giovani, arrivano nei nostri monasteri o ci contattano attraverso i mezzi tradizionali e nuovi di comunicazione, perché, come queste persone ci raccontano fin dal primo contatto, trovano in noi delle 'ancore di salvezza' perché trasmettiamo la speranza che cercano".

Monache che sono anche presenti nel web dove svolgono attività-testimonianza vissuta tra le loro mura, che ospitano nelle loro foresterie chiunque voglia vivere queste esperienze di crescita umana e cristiana all’insegna degli insegnamenti di Chiara e di Francesco d’Assisi, dalle studentesse e studenti di università, agli adulti, alle famiglie. Ad esempio, a Sant’Agnese, la cui chiesa è aperta ai fedeli tutti i giorni, dalle ore 6 alle 21.30, ed è visitabile lo splendido affresco della Madonna delle Grazie con Santi dipindo dal Perugino, si terrà, dal 9 al 16 agosto, il ritiro spirituale “Settimana con Dio”; mentre a Santa Maria di Monteluce, dal 13 al 16 agosto, si terranno delle giornate di approfondimento per ragazze sulla figura di Santa Chiara, e a settembre, dal 18 al 22, la “Settimana di studio” per studenti e studentesse. 

Uno sguardo particolare le Clarisse lo riservano alle giovani generazioni, perché, spiegano, "le generazioni passano ed ognuna è diversa rispetto alla precedente, ma la Misericordia di Dio di generazione in generazione raggiunge il cuore di tutti i giovani dando senso e speranza alla loro vita. Dio, attraverso testimonianze di santità quali Chiara d’Assisi, aiuta tanti giovani a prendere una decisione per una vocazione sia al matrimonio, alla famiglia sia alla vita consacrata, perché Dio ha un disegno grande per ciascuno contribuendo alla costruzione della civiltà dell’Amore".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa di santa Chiara, il vescovo Maffeis visita i tre monasteri delle Clarisse presenti in diocesi

PerugiaToday è in caricamento