rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità

San Matteo degli Armeni: a confronto Astronomia e poesia. Lo scienziato Vocca e la poetessa Espinosa Río invertono i ruoli

San Matteo degli Armeni. A confronto Astronomia e Poesia. Lo scienziato Helios Vocca e la poetessa galega Estíbaliz Espinosa Río invertono i ruoli e li riconducono ad unità. Il primo, professore al Dipartimento di Fisica e Geologia dello Studium perusinum. La seconda, divulgatrice scientifica, traduttrice, musicista, astronoma e, soprattutto, poetessa. Raccontano – a un uditorio numeroso e interessato – quanto sia falsa e fuorviante la tradizionale divisione fra le “due culture”. Intendendo per tali il versante scientifico e quello letterario. Brand dell’incontro – organizzato da Carlo Pulsoni e moderato/tradotto da Marco Paone – un’immagine di Jodie Forster astronauta (dal film “Contact”, 1997) che, fra le bellezze del cosmo,
esclama incantata “Questa è poesia”.

Una conversazione che si dipana fra citazioni e raffinata esegesi di brani e teorie. A dimostrazione del fatto che anche le leggi della fisica rispondono a una logica “artistica” e “creativa”. Così calza a pennello l’analogia fra linguaggi, anche in riferimento alle modalità con cui verità
scientifiche e vibrazioni dell’anima vengono tradotte e comunicate. Da qui l’esempio calzante della formula einsteiniana che ci racconta come l’energia sia uguale alla massa per il quadrato della velocità della luce (E=mc2). E il linguaggio poetico essenziale di Giuseppe Ungaretti nella poesia “Soldati” (Si sta / come d’autunno / sugli alberi / le foglie) in cui ci riferisce la precarietà della condizione esistenziale. Da qui l’inevitabile conclusione che volge il tema dell’incontro (“Scienza e poesia”) nella condivisa conclusione che suona “Scienza è Poesia”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Matteo degli Armeni: a confronto Astronomia e poesia. Lo scienziato Vocca e la poetessa Espinosa Río invertono i ruoli

PerugiaToday è in caricamento