rotate-mobile
Attualità

Lo scoiattolo rosso salvato dalla estinzioni a Perugia: abbattuti quelle non autoctoni, i dati e le polemiche

Il progetto Life U-Savereds è giunto al termine riportando risultati gratificanti che attestano una netta riduzione dell’area di presenza dello scoiattolo grigio, non autoctono e che praticamente aveva portato sull'orlo dell'estinzione quello alloctono. Si è praticamente effettuata una vera e propria caccia, con trappole, per estirpare l'alieno. Non sono mancate le polemiche sui costi del progetto e sulla pratica dell'eutanasia per i "grigi" catturati. Le popolazioni di scoiattolo rosso invece danno segni di ripresa e soprattutto sono aumentate le occasioni di avvistamento anche da parte della cittadinanza. Le osservazioni si stanno susseguendo anche in aree dove lo scoiattolo rosso mancava da più 10 anni.

Dopo lo svolgimento di tutte le azioni previste dal progetto, l’area di presenza dello scoiattolo grigio si è ridotta da 35 a 3 km2. Il risultato finale è che ora lo scoiattolo rosso è presente in un territorio di circa 57 km2, più di 3 volte rispetto all’area di presenza conosciuta ad inizio progetto (circa 18 km2), mentre l’area di presenza del grigio si è sostanzialmente contratta e la sua presenza oggi è sporadica e legata a pochissime aree relitte.

Dopo il rilascio della prima coppia di scoiattolo rosso nei mesi di maggio e giugno sono stati traslocati da diverse aree, ulteriori 6 individui (3 maschi e 3 femmine) appartenenti alla specie autoctona che sono stati rilasciati nell’area di Monte Malbe. Dopo il rilascio, gli scoiattoli rossi sono stati monitorati tramite la tecnica della radiotelemetria, secondo un protocollo di raccolta dati più intenso nei giorni immediatamente successivi al rilascio. I risultati ottenuti hanno permesso di localizzare 4 individui i quali o si sono stabiliti nell’area di rilascio oppure si sono spostati in aree lasciate libere in seguito alla rimozione degli scoiattoli grigi. Non si è avuta alcuna segnalazione di investimento stradale o indizi che possano far ipotizzare la morte degli animali rilasciati.

La popolazione di scoiattolo rosso del Percorso Verde di Pian di Massiano è stata salvata da un’estinzione pressoché certa ed oggi sono presenti almeno 6/7 scoiattoli rossi, alcuni dei quali giovani dell’anno, testimonianza dell’avvenuta riproduzione e di una buona vitalità di questa storica popolazione. Il risultato finale è che ora lo scoiattolo rosso è presente su un territorio di circa 57 km2, più di 3 volte rispetto all’area di presenza conosciuta ad inizio progetto (circa 18 km2), mentre l’area di presenza del grigio si è sostanzialmente contratta e la sua presenza oggi è sporadica e legata a pochissime aree.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scoiattolo rosso salvato dalla estinzioni a Perugia: abbattuti quelle non autoctoni, i dati e le polemiche

PerugiaToday è in caricamento