rotate-mobile
Attualità

INVIATO CITTADINO Esposta in Sala dei Notari l’opera degli infioratori di San Martino in Colle

Celebra Francesco e Perugino. Coniuga arte e fede in efficace sintesi

Esposta (per tutta la giornata di ieri) in Sala dei Notari l’opera degli infioratori di San Martino in Colle. Celebra Francesco e Perugino. Coniuga arte e fede. 

Il Gruppo Infioratori San Francesco di San Martino in Colle omaggia il Genio rinascimentale di Raffaello 

Palazzo Della Penna, presentato ufficialmente il floreale omaggio a Dottori degli Infioratori di San Francesco 

Gli infioratori di San Martino in Colle hanno preparato "Dinamismo floreale per ripartire", uno speciale omaggio a Gerardo Dottori

Dopo l’omaggio a Raffaello, e quello a Dottori alla Penna è stata la volta del Perugino, di cui si è anticipata la ricorrenza (2023) del quinto centenario dalla morte. 

FOTO - Esposta in Sala dei Notari l’opera degli infioratori di San Martino in Colle

 

(foto Sandro Allegrini)

Un’esposizione – questa del capolavoro realizzato in petali di fiori – fortemente voluta dall’Assessore Leonardo Varasano che ha stabilito un filo diretto col gruppo sanmartinese.

Un’opera che coniuga egregiamente arte e fede. Come ci racconta il cordinatore Rudy Trapassi, validamente affiancato dalla moglie Katia Forti e dai borgaroli del rione San Francesco.

L’opera rappresenta i santi Francesco e Costanzo, ai lati sinistro e destro, sovrastati dal tondo Moretti. E non è priva di significato la circostanza che le eredi dello storico laboratorio Caselli-Moretti (Anna Falsettini e la figlia) abbiano voluto essere presenti in Sala dei Notari.

L’incoronazione della Vergine (ispirata al Perugino) si carica di ulteriore sacralità se si tiene conto del fatto che i realizzatori sono persuasi fedeli della Madonna del Cardeto, celebrata a San Martino in Colle la prima domenica di giugno. Proprio dall’immagine della Vergine è partito il primo contatto tra l’Inviato Cittadino e gli amici sanmartinesi alle cui vicende è stato bello interessarsi. 

Infioratori San Francesco, non solo Madonna del Cardeto, ma anche Perugia e Madonna delle Grazie per il Corpus Domini

Animano il gruppo le famiglie Trapassi, Trequattrini, Bistarelli, Pierini, Mattioni, Tomassini, Pochini.

Lode a un’opera, ammiratissima in tutta la giornata. Anche perché ha saputo unire, in sintesi ispirata, valori di fede e cultura. Non è priva di rilievo la circostanza che – come accade per la realizzazione delle sacre icone nel mondo orientale – i realizzatori alternano momenti di preghiera e socialità. Per andare avanti nel solco della tradizione, tutelando i valori della comunità. Un’opera effimera per proiezioni durature nel futuro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Esposta in Sala dei Notari l’opera degli infioratori di San Martino in Colle

PerugiaToday è in caricamento