rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Attualità

La Sala dei Notari fa il pieno di peruginità. Con la musica di fra’ Alessandro (la Voce di Assisi) e la poesia di Spinelli e Cicuti

Evento dal titolo “Perugia In-Canto. Liriche Voci nel nostro dialetto” dell’Associazione ProSceniUm

La Sala dei Notari fa il pieno di peruginità. Con la lirica di fra’ Alessandro Brustenghi (la Voce di Assisi) e la poesia di Spinelli e Cicuti. Evento dal titolo “Perugia In-Canto. Liriche Voci nel nostro dialetto” dell’Associazione ProSceniUm.

Un evento lungamente atteso, con prodromi al teatro Riccini, come da noi raccontato. 

Teatro Riccini, Ponte Felcino. Musica ‘pucciniana’ col valore aggiunto della poesia perugina. Un singolare esperimento artistico

Ma stavolta c’era l’ufficialità della massima sala istituzionale cittadina e una schiera di cantanti internazionali come di rado è dato vedere, e ascoltare dal vivo.

Sotto l’accorta regia di fra’ Alessandro si è dipanato un evento con carattere di eccezionalità. 

Frate Alessandro Brustenghi, la Voce di Assisi, propone uno spettacolo di canto lirico e di poesia

Alle voci femminili i soprano Chiara Franceschelli, Chiara Giudice, Sarah Piccioni. Le maschili con Giulio Boschetti, Claudio Rocchi, David Sotgiu e lo stesso Alessandro Brustenghi in un apprezzatissimo fuori programma.

Le parole messe in musica da fra’ Alessandro sono quelle della pagina dei poeti perugini Claudio Spinelli (di cui ricorreva proprio ieri il ventennale della scomparsa) e Nello Cicuti, presente e applauditissimo. 

FOTO - La Sala dei Notari fa il pieno di peruginità


(foto Sandro Allegrini)

Intermezzi poetici in lettura dell’attore Leandro Corbucci. Al pianoforte Manuel Magrini con Fabrizio Fanini alla chitarra. Introduzione e conclusione di Sandro Allegrini. Ringraziamenti da parte della famiglia Spinelli attraverso le parole del fratello Nello.

La città di Perugia è stata esaltata in quattro quadri: il dialetto, la cultura, l’amore e la natura. Le composizioni erano dunque riconducibili ad altrettanti filoni e correnti d’ispirazione lirica.

Finale con tutti in coro a cantare “La filastrocca” di Spinelli. Un pomeriggio fortemente voluto dal Comune di Perugia nella persona dell’Assessore Leonardo Varasano che ha porto il saluto di benvenuto.

Donazioni a favore di opere di carità e missioni francescane nel mondo.

Perugia ha risposto con una presenza numerosa, un’accoglienza entusiastica, una donazione generosa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Sala dei Notari fa il pieno di peruginità. Con la musica di fra’ Alessandro (la Voce di Assisi) e la poesia di Spinelli e Cicuti

PerugiaToday è in caricamento