menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Verità per Riccardo", anche il consiglio comunale di Magione a favore del fotografo detenuto in Perù da due anni

Prosegue intanto anche a Magione la raccolta firme per sostenere il fotografo umbro in molti esercizi commerciali

Riccardo Capecchi, fotografo di Castiglione del Lago, è detenuto in Perù da due anni con l'accusa di traffico di stupefacenti, ma lui si dichiara estraneo e afferma di essere andato in Sud America solo per svolgere il suo lavoro di fotografo.

Dopo il consiglio comunale di Castiglione del Lago anche quello di Magione ha approvato all’unanimità un documento di solidarietà e sostegno a Riccardo Capecchi.

Riccardo è accusato, per una incredibile vicenda che ruota attorno all’intestazione a suo nome di un’auto, di traffico di droga per il quale si è sempre dichiarato estraneo. A tuttoggi il suo coinvolgimento non è provato e Riccardo, pur non essendo più in carcere, è sottoposto a obbligo periodico di firma con divieto di allontanamento dal territorio peruviano.

"Chi lo conosce, sa con certezza – afferma la capogruppo Cristina Tufo – che la presenza di Riccardo in Perù era legata esclusivamente alla sua unica passione: la fotografia, di cui aveva fatto una professione. Molte delle sue foto sono state pubblicate in numerose riviste a diffusione nazionale e, per un lungo periodo, ha lavorato anche per uno studio fotografico del nostro comune dove è conosciuto e apprezzato, oltre che luogo di origine della compagna. Il nostro augurio, e questo atto del Comune vuole essere un’ulteriore gesto per fargli sentire che gli siamo tutti vicini, che possa tornare in Italia, nella sua Castiglione del lago, e da qui seguire, nel rispetto delle autorità peruviane e nella pena collaborazione con esse, la sua vicenda giudiziaria. La prolungata inattività lavorativa e gli ingenti esborsi rappresentano un altro importante problema per la famiglia. Disagi che sommano alla preoccupazione per la salute psico-fisica di Riccardo".

A Magione, come in altri comuni, prosegue intanto la raccolta firme per sostenere il fotografo umbro in molti esercizi commerciali, a Magione è possibile firmare nella Cartoleria Sgombra  in Via Roma,  nel Bar dei Molini a Casenuove  e nello Studio di Foto Dogana in viale Umbria.

"Quello che sta accadendo a Riccardo Capecchi, cittadino di Castiglione del Lago con tanti amici e affetti a Magione, merita la massima attenzione" è il commento del sindaco Giacomo Chiodini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento