rotate-mobile
Attualità

Rischiamo di perdere un tesoro di Perugia: affreschi della Cattedrale distrutti dalle infiltrazioni

Chiesa cattedrale di Perugia: quegli affreschi della Cappella del Battistero chiedono aiuto. Ma potrebbe già essere troppo tardi

Chiesa cattedrale di Perugia: quegli affreschi della Cappella del Battistero chiedono aiuto. Ma potrebbe già essere troppo tardi. La cupola e le lunette laterali furono realizzate, nel 1868, dal pittore Mariano Piervittori. Ma oggi non resta che una pallida eco di quei capolavori.

Ormai quei dipinti sono illeggibili, in quanto letteralmente divorati dall’umidità. La cupola mostra ampi strati di intonaco staccati, che continuano a precipitare a terra. La composizione si perde e si confonde in quel cimitero di frammenti smorti e mortificati. Uno strano contrappasso: la Cappella dove si inneggia alla vita, col battesimo dell’accoglienza, è ridotta un cimitero, celebra la scomparsa dell’arte e della storia.

Il danno è conseguenza delle copiose infiltrazioni d’acqua che scendono dalla lanterna: un vero colabrodo. E sono anni che la faccenda peggiora, nell’indifferenza generale. La lunetta di destra è solo parzialmente danneggiata, in quanto poco martellata dall’acqua. Quella di sinistra è invece ricostruibile solo alla luce di documentazioni fotografiche. La volta è letteralmente un disastro.

Fortunatamente, l’affresco col Battesimo di Cristo e le vetrate di Domenico Bruschi sono in buono stato di conservazione, anche se coeve dell’opera del Piervittori. Ma quegli affreschi del pittore marchigiano fanno letteralmente pietà. Ci si chiede come si possa essere arrivati a questo punto senza che nessuno abbia lanciato un doveroso grido d’allarme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischiamo di perdere un tesoro di Perugia: affreschi della Cattedrale distrutti dalle infiltrazioni

PerugiaToday è in caricamento