INVIATO CITTADINO Ricordando don Dario Pasquini, fondatore della scuola popolare di Olmo

Grande educatore, uomo volitivo, religioso di alta spiritualità, ma soprattutto deciso difensore della categoria manzoniana degli “umili”. Questo, e molto altro, fu don Dario, ricordato con una mostra fotografica che ne illustra le opere e i giorni

Ricordando don Dario Pasquini, fondatore del “collegio popolare” di Olmo. Grande educatore, uomo volitivo, religioso di alta spiritualità, ma soprattutto deciso difensore della categoria manzoniana degli “umili”. Questo, e molto altro, fu don Dario, ricordato con una mostra fotografica che ne illustra le opere e i giorni.

Negli anni duri del dopoguerra – era il 1950 – don Dario fu punto di riferimento per l’educazione e la formazione di tanti ragazzi ai quali seppe fornire un’istruzione professionale, sicuro viatico per l’accesso ai canali di sviluppo artigianale e industriale della zona di Ellera, Corciano e centri viciniori. La Perugina, le Officine Piccini, il settore meccanico, cartografico… si alimentarono della collaborazione di quei giovani volenterosi e preparati.

Oggi, l’evoluzione e i tempi hanno fatto di quel luogo, voluto da don Dario, la sede di scuole di vario ordine e grado.

Nella presentazione è stato proposto un doppio filmato: il primo che ne ricostruisce la storia attraverso un convegno (clip, opera del collega Gino Goti) e un docufilm, realizzato dagli alunni della scuola Leonardo da Vinci, sede di Olmo.

La “scuola del popolo” fu prototipo di carattere politico, civile, formativo, tanto da affascinare – in tempi di don Camillo e Peppone – anche il mitico direttore Giacomo Santucci.

Don Dario inventò lo scuolabus: andava a prendere i ragazzi con un mezzo donato dalla Fiat. Lo chiamavano “macone” (ossia “anatra”, in dialetto perugino) per il suono del suo clacson. Quanti ragazzi, poveri e spauriti, ci sono saliti per andare ad esercitarsi su torni e circuiti elettrici, su macchine da cucire e motori.

Oggi tutto questo è documentato attraverso una mostra fotografica, aperta sotto le Logge della cattedrale.

Il cardinale Gualtiero Bassetti ha porto un breve saluto, riservandosi di visitare a breve la mostra. Il coordinatore Marco Terzetti, in sala San Francesco, ha passato poi la parola all’abate Giustino Farnedi, di cui oggi ricorre il 60.mo dal sacerdozio e il 15.mo anno di permanenza a Perugia, presso l’abbazia benedettina di San Pietro.

A seguire interventi di don Fabio Quaresima, parroco di Chiugiana, e di esperti del mondo della storia, dell’archivistica, della cultura: i dirigenti scolastici Maria Rita Marconi e Francesco Manno, Alba Cavicchi dell’Isuc, gli archivisti Francesca Ciacci e Fabrizia Trevisan, l’editrice Francesca Silvestri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’esperienza – quella di don Dario – da ricordare e da incidere a lettere di bronzo nella memoria e nel cuore di tanti perugini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento