Scienza, tecnologia e nuovi servizi digitali per i cittadini, ecco come sarà il nuovo Post di Perugia

Intervista all'avvocato Francesco Gatti, presidente della Fondazione Perugia officina della scienza e della tecnologia: "Mostre, laboratori didattici, visite guidate, una postazione Digipass e tante novità a partire dal 7 novembre"

Da sx: Giacomo Giorgi, Francesco Gatti, Irene Biagini. Post Perugia

Nuova vita e grandi speranze per il Post, Perugia officina della scienza e della tecnologia grazie all’arrivo i fondi ministeriali e di una nuova e cosipicua forma di finanziamento tramite il servizio Digipass.

Le novità iniziano con il nuovo consiglio di amministrazione che si è insediato il 25 ottobre e ha eletto come presidente della Fondazione l’avvocato Francesco Gatti, nominato dal Comune di Perugia. Gli altri due membri sono Irene Biagini, fisica collegata a Psiquadro (Isola di Einstein, CoderDojo e altre iniziative scientifiche) nominata dal Comune di Perugia, e Giacomo Giorgi, chimico, nominato dalla Provincia di Perugia. Il consiglio di amministrazione svolgerà le proprie funzioni a costo zero.

“Un avvocato alla guida di un’istituzione che si occupa di scienza non deve apparire strana – commenta l’avvocato Francesco Gatti – ma è il frutto di un’idea del sindaco Andrea Romizi e condivisa dal presidente della Provincia di Perugia Luciano Bacchetta: mettere alla guida della struttura una persona con competenze nei contratti, nelle attività burocratiche, rapporti con il personale, fornitori e attività istituzionale. Direi una persona con i piedi per terra e meno propenso alla sperimentazione scientifica”.

Dopo sei mesi di chiusura e la cassa integrazione per i sei dipendenti, quindi, il Post è pronto a ricominciare (lunedì 4 novembre alle 12 nella Sala Rossa del Comune di Perugia una conferenza stampa di presentazione) riconfermandosi come punto di cultura e divulgazione scientifica. Il contributo ministeriale per il triennio 2017-2019 è stato ripreso e sono in arrivo i soldi per il 2018, mentre quelli per il 2019 saranno disponibili per l’anno prossimo.

“La situazione economica è migliorata, con lo sblocco dei fondi ministeriali abbiamo potuto riprendere i sei dipendenti che era andati in cassa integrazione e programmare un nuovo inizio – dichiara il presidente Gatti – Un altro importante contributo verrà dai fondi per gestire il sistema Digipass (da febbraio 2020), un servizio rivolto ai cittadini che per svariati motivi non sanno o non possono usare la tecnologia informatica per scaricare le analisi, prenotare il rinnovo della carta d’identità o del passaporto oppure acquistare un biglietto aereo o del treno. Il Post ospiterà una postazione dove, tutti i pomeriggi (la mattina il servizio sarà gestito dall’Informagiovani negli spazi attigui al Post, ndr) i cittadini potranno usufruire di computer e assistenza per le attività telematiche necessarie”.

Per rendere ancora più attraente e accogliente il Post si è pensato un progetto di riqualificazione di piazza del Melo, per rendere lo spazio antistante un luogo sempre più ricercato e accogliente.

“Devo dar atto al sindaco Andrea Romizi e all’assessore Michele Fioroni di aver insistito per una rivisitazione di piazza del Melo – afferma Francesco Gatti – L’idea è di pedonalizzare la piazza, trasformarla in luogo di aggregazione, realizzando un punto di ristoro sotto gli arconi del palazzo dell’Informagiovani, mettendo dei tavolini nella piazza dove gli studenti potranno sedere e lavorare al computer usufruendo del wifi mentre prendono un caffè, oppure i genitori potranno chiacchierare davanti ad una tazza di tè mentre i figli seguono un laboratorio al Post o festeggiano un compleanno”.

Il Post proseguirà la propria attività di divulgazione scientifica organizzando i laboratori, le visite guidate al museo e con gli esperimenti, ospitando le scolaresche per i laboratori didattici e gli incontri con gli scienziati e aprendo le proprie porte ai compleanni dei bambini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’inaugurazione del Post è per il 7 novembre alle 18 con la mostra sensoriale interattiva “Un inverno bestiale. Strategie animali per sopravvivere al freddo”, alla quale seguirà una mostra sul ciclo dell’acqua e l’inquinamento in collaborazione con il Cnr e Umbra Acque. Nei giorni 8, 9 e 10 novembre, infine, il museo del Post sarà aperto gratuitamente con orario continuato dalle 10 alle 19 (venerdì 8 novembre solo il pomeriggio). Il Post avrà anche un suo spazio informativo nei nuovi locali in corso di realizzazione agli Arconi di via della Rupe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Non rispetta le norme anti Covid-19, multato parrucchiere e negozio chiuso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento