Radioamatori, la Sezione CISAR Assisi c'è e fa la sua parte nell'emergenza Coronavirus

Sempre presenti nell'etere per ogni evenienza, oltre che per passione, i radioamatori collaborano con le autorità per ricordare l'importanza di rispettare le prescrizioni per fermare il Covid-19

I radioamatori non si fermano mai, e anche in questo grave momento per il nostro Paese e del mondo interno a causa della pandemia da Coronavirus, fanno la propria parte per sostenere le autorità e aiutare la popolazione nel contenimento del contagio. La sezione CISAR Assisi in particolare, ha pensato ad una propria iniziativa mirata a supportare le misure di contenimento. Con l’utilizzo delle radio, attraverso i ponti radio gestiti dalla Sezione di Assisi, durante il periodo dell’emergenza tutti i ripetitori diffonderanno un messaggio che invita al rispetto delle norme ma anche a un maggior utilizzo delle radio affinché tutta la comunità radioamatoriale, seppur nell’isolamento individuale presso le proprie abitazioni, si possa sentire ugualmente “vicina” e meno “isolata”. E' questo un modo per condividere la quotidianità di questo momento. Pertanto, dalle ore 18:00 dello scorso15 marzo 2020, i ponti radio del Network CISAR Assisi hanno iniziato la diffusione del messaggio ai seguenti orari: 08:00 - 12:00 - 18:00 - 23:00.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco il testo del messaggio: ”L’Associazione Nazionale Radioamatori CISAR sezione di Assisi, consapevole di dover contribuire individualmente e responsabilmente al fine di favorire il superamento di questa grave crisi sanitaria, invita caldamente tutta la comunità radioamatoriale al rispetto delle norme evidenziate nei Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri restando all’interno delle proprie abitazioni, impedendo così il moltiplicarsi dei contagi. Collegati al Network CISAR Assisi e con resilienza, avviciniamoci e partecipiamo attraverso le nostre voci, condividendo le rispettive esperienze in questo difficile momento storico. Insieme, vinciamo!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento