L'INTERVENTO A FAVORE | Cos'è Professione Mamma, per chi non l'ha capito... al di là delle polemiche

Critiche gratuite e preconfezionate alla manifestazione (sesta edizione) che festeggia le mamme e i papà che condividono le proprie esperienze genitoriali

Nell'epoca degli stereotipi al contrario, a qualcuno piace giocare sui malintesi e calcare la mano, in cattiva fede, sulle iniziative che non sono di suo gradimento.

Quanti eventi si svolgono nella vivace città di Perugia? Fiere, manifestazioni, convegni, mostre, dibattiti, convention... ce n'è per tutti, per ogni gusto e in ogni stagione.

Invece no. Ai protestatori del web, con le loro parole infuocate e cariche di violenza, piene di disprezzo per chi la pensa in maniera diversa dalla sua, Professione Mamma 6.0 non va giù.  

Si svegliano adesso, nell'edizione numero sei, quella meno significativa per via delle limitazioni imposte dalle norme anti Covid, a protestare. Protestare perché sarebbe un evento che relega la figura della donna a un ruolo umiliante, domestico, il cui compito sarebbe limitato alla cura domestica e familiare a discapito di una brillante carriera lavorativa e dell'indipendenza economica. Gli odiatori tirano in ballo persino il Medioevo, epoca di fiorente civiltà, sottolineando con fior di stereotipi la condizione femminile di quell'epoca storica. E dimenticando quanto invece ci siano tante parti del mondo in cui a tutt'oggi la donna è considerata inferiore e trattata come cosa, non come persona. Insomma, una miscellanea di luoghi comuni con poca cultura e poco senso. Peccato che Professione Mamma non sia niente di questo e, lo sottolineameo ancora, sia al suo sesto e felice anno consecutivo.

"Eravamo in 5 sei anni fa - si legge sulla bacheca Facebook di una delle organizzatrici - e senza sapere bene in che impresa ci stavamo cacciando, ci siamo inventate questa idea 'medievale' di riportare la gente in piazza, farla uscire da dietro gli schermi di internet, per tornare a incontrarsi, a conoscersi, a scambiarsi idee, esperienze, consigli, per arricchirsi delle capacità, della creatività e dei talenti degli altri [...] Fossimo state Alpini, inventavamo il raduno degli Alpini. Fossimo state motociclisti, organizzavamo un raduno di motociclisti. Ma ci siamo incontrate e siamo diventate amiche in quella fase della vita in cui la maternità ti chiede tutte le energie che hai (veramente molte ma molte di più!), e abbiamo inventato Professione Mamma".

Insomma, intenzioni completamente travisate dal alcuni concittadini, che hanno subito alzato i toni contro l'amministrazione, rea di appoggiare un evento che non salvaguarda il ruolo di entrambi i genitori.

Ma che cos'è davvero Professione Mamma?

La kermesse, che da sei anni si svolge presso il Complesso di San Pietro, è una iniziativa promossa dall'Associazione Famiglie Numerose senza scopo di lucro, in cui si ritrovano tante mamme e papà, che nella vita di ogni giorno svolgono le loro professioni (ci sono medici e avvocati, impiegate, insegnanti, cuoche, persino giornaliste!). Le persone che organizzano Professione Mamma, quindi, hanno in comune la maternità: ciascuna di esse, per un giorno, porta allora in campo le sue abilità e i suoi "trucchi del mestiere" di madre, non per fare mostra della propria bravura, ma per condividere con altri genitori e scambiare con gli altri esperienze. Nel corso degli anni, alla parte espositiva è stata abbinato anche un convegno su vari temi riguardanti la natalità, le politiche familiari, il welfare e - come nel caso dell'edizione 2019 - le buone pratiche che hanno portato Perugia a diventare Comune Amico della Famiglia. In particolare, quest'ultima iniziativa ha vistro l'amministrazione perugina iniziare un percorso volto a semplificare la vita delle famiglie con figli, che in Italia non trovano da dacenni vere politiche di sostegno e incetivazione o semplicemente di semplificazione dei tanti passaggi burocratici che chi ha figli deve fare per accedere al welfare e ai servizi.

Da tre anni a questa parte, accanto e insieme a Professione Mamma si svolge anche Professione Papà, dove i padri (anche essi impegnati nella vita ordinaria in vari mestieri e professioni) per un pomeriggio intrattengono i visitatori con le proprie abilità "extra-lavorative": dal papà sportivo al papà ballerino, dal papà chef a quello giocatore di scacchi, fino al papà pittore di modellini. Tutto con grande spirito di condivisione e divertimento.

E' dato certo che chi ha alzato tante inutili polemiche per Professione Mamma non è mai stato a vedere di che si tratta: l'edizione 2020 può essere quella giusta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resta da dire che mai evento fu più frainteso nella storia della città di Perugia! 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento