rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Attualità

"Quel Pane sulle nostre vie", monsignor Maffeis guida l'antica processione del Corpus Domini

Domenica 2 giugno alle ore 10 la messa nella Cattedrale di Perugia, mentre nella Concattedrale di Città della Pieve appuntamento alle 17.30

Domenica 2 giugno la chiesa perugina celebra la solennità del Corpus Domini con la messa alle ore 10 nella cattedrale di San Lorenzo, presieduta dall’arcivescovo Ivan Maffeis (che alle ore 17:30 celebrerà nella Concattedrale di Città della Pieve) e poi la processione risalente al secolo XIV, una delle più antiche, partecipate e sentite della città, dalla Cattedrale alla Basilica di San Domenico.

Si ha memoria storica di questa processione dall’anno 1378, a seguito di un “provvedimento pubblico” delle autorità civili e religiose della città che stabilì anche il percorso. Oggi è animata da diverse Confraternite, tra cui quella del Santissimo Sacramento, di San Giuseppe e del Sant’Anello, oltre che da una rappresentanza dei Cavalieri degli Ordini di Malta e del Santo Sepolcro.

La comunità cristiana perugina è da sempre molto legata a questa solennità, istituita da papa Urbano IV, morto nella vicina Deruta il 2 ottobre 1264 e sepolto nella cattedrale di San Lorenzo. Circa due mesi prima della morte, l’11 agosto 1264, Urbano IV istituì ufficialmente la solennità del Corpus Domini con la bolla Transiturus de hoc mundo, a seguito del “particolare miracolo eucaristico” avvenuto a Bolsena l’anno precedente.

La popolarità di questa festa, che manifesta pubblicamente la fede del popolo cristiano nel Santissimo Sacramento, è cresciuta con il Concilio di Trento (1545-1563), quando si sono diffuse le processioni eucaristiche e il culto eucaristico al di fuori della Messa.

“ La festa del Corpus Domini ci porta ad andare contromano. Siamo soliti, infatti, partire dalle nostre case per convergere in chiesa; la processione, che da secoli caratterizza questa giornata, va invece in senso inverso: dalla chiesa alle case.

È proprio questa direzione quella che fa sì che il nostro venire a prendere parte all’Eucaristia non si risolva in un fatto puramente privato, ma raggiunga la sua piena efficacia nel ritorno – scrive monsignor Ivan Maffeis - Chi si lascia plasmare dall’Eucaristia vince il pericolo di smarrirsi in quell’ateismo pratico, che spegne la vita nell’indifferenza. L’Eucaristia ci porta alla fedeltà al Vangelo, alla capacità di non perdere la speranza, alla fraternità che sa farsi carità; ci rende Chiesa che non gioca in difesa, ma fa il primo passo, va incontro, si fa prossima; una Chiesa attraente, in cui ognuno – con la sua storia – trova rispetto e accoglienza. L’Eucaristia fa dei molti che siamo un corpo solo, il Corpus Domini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quel Pane sulle nostre vie", monsignor Maffeis guida l'antica processione del Corpus Domini

PerugiaToday è in caricamento