rotate-mobile
Attualità

San Matteo degli Armeni. Perugia onora la memoria di Franco Piazzoli

Partecipazione massiccia alla presentazione del suo libro postumo “Có sti canti e có sti soni” (Morlacchi editore)

San Matteo degli Armeni. Perugia onora la memoria di Franco Piazzoli. Partecipazione massiccia alla presentazione del suo libro postumo “Có sti canti e có sti soni” (Morlacchi editore).

C’era tutto il Borgo d’Oro, i vicini del Vicolo Lungo (via Lupattelli), gli amici del corso e del teatro, i soci di Vivi il Borgo, colleghi di lavoro. E, naturalmente, tutti i parenti di ogni età. A rendere un commosso omaggio al Bartoccio del Terzo Millennio, come l’Inviato Cittadino ha definito la figura di Franco.

Un libro irrituale e irridente, denso di riferimenti ironici e puntuti alla politica locale e nazionale, declinata per nome e cognome, come era solito fare il personaggio. Senza peli sulla lingua né furbesche convenienze.

In questo libro postumo, curato con affettuosa cura da Sandro Allegrini, c’è tutto Piazzoli con amori e disamori, da soggetto pensante che va sul pesante, morale ma non moralista, colto e insieme popolare. Un uomo “contro” l’ipocrisia e il perbenismo supponente.

Lo ha sottolineato l’Assessore Leonardo Varasano, in presentazione e con una colta prefazione nel libro, dal titolo eloquente “Un ironia dolcemente graffiante”.

Letture degli attori Leandro Corbucci e Gian Franco Zampetti che tante volte recitarono con Franco nelle commedie di Artemio Giovagnoni, alla mai troppo rimpianta Turrenetta e al Piccolo Teatro San Martino di via Cotani.

Un pomeriggio emotivamente ricco, ma senza piagnistei. Come di certo Franco avrebbe voluto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Matteo degli Armeni. Perugia onora la memoria di Franco Piazzoli

PerugiaToday è in caricamento