menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

INVIATO CITTADINO Ponte San Giovanni, anche la rotatoria Velimna marca visita

Non si tratta di una malattia incurabile, intendiamoci. Basta dotarsi di decespugliatore e attrezzi similari per corrispondere alla bisogna. Già, ma a chi tocca l’onere in questione?

Non solo aree adiacenti a Ipogeo dei Volumni e Necropoli del Palazzone, anche la rotatoria Velimna marca visita. Non si tratta di una malattia incurabile, intendiamoci. Basta dotarsi di decespugliatore e attrezzi similari per corrispondere alla bisogna. Già, ma a chi tocca l’onere in questione?

Quella rotatoria è l’orgoglio dei ponteggiani. La sua realizzazione costò lacrime e sangue. Problemi urbanistici, estetici et coetera. Finché il Comune e la Pro Ponte non operarono in sinergia, affidando allo scultore Massimo Arzilli la realizzazione artistica e agli operai comunali la predisposizione delle strutture murarie.

“Oggi – scrive l’amico Gino Goti – la splendida rotonda intitolata a “Velimna” (all’incrocio tra via dei Loggi, via Assisana e via Etrusca) è abbandonata a se stessa”. Affermazione documentata dall’immagine in pagina che dimostra, con palmare evidenza, come da anni nessuno curi la manutenzione. Addirittura, anche un’automobile ha urtato e rovinato il muretto, senza che nessuno si premurasse di sistemarlo.

Quanto alla vegetazione, è riduttivo parlare di taglio di erbacce. “Sono cresciuti – precisa Goti – veri e propri alberelli che, aumentando di volume, provocheranno il disfacimento del muretto di contenimento di una zona verde che poteva essere evitata per limitare la manutenzione e dare spazio a una carreggiata già ristretta”. Insomma: hanno voluto il verde… adesso lo curino! Riducendo la sede stradale: assurdo!

Non parliamo di considerazioni architettoniche o di ingegneria stradale – ricorda Gino – ma fu un rilievo mosso, all’atto dell’inaugurazione, da numerosi cittadini.

Come al solito, chi fa da sé fa per tre. Antonello Palmerini, presidente della Pro Ponte, si è reso disponibile a tagliare erbacce e alberelli con i mezzi e i volontari dell’associazione, se dovessero ancora ritardare interventi istituzionali di competenza. Come probabilmente sarà. E non si tratta di pessimismo a priori o sfiducia generalizzata, ma di esperienza maturata negli anni.

Notazione finale: “La rotatoria e le zone circostanti all’Ipogeo e alla zona archeologica del Palazzone hanno bisogno di un più professionale intervento”, soprattutto in questo periodo della manifestazione “Velimna, gli Etruschi del Fiume”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento