Lunedì, 21 Giugno 2021
Attualità

Riapre la storica pizzeria "marchigiana" di via dei Priori, restyling del locale e novità

Riapre, con una nuova configurazione, la pizzeria di via dei Priori ad angolo con via della Gabbia. La chiusura dopo anni di attiva militanza (era stata aperta nel 1958) al servizio dei perugini

Riapre, con una nuova configurazione, la storica pizzeria “marchigiana” di via dei Priori ad angolo con via della Gabbia. La chiusura dopo anni di attiva militanza (era stata aperta nel 1958) al servizio dei perugini.

Esprimemmo il convinto dispiacere per la chiusura di quel memorabile esercizio che introdusse a Perugia la pizza al taglio (https://www.perugiatoday.it/attualita/centro-storico-via-priori-chiude-pizzeria-marchigiana.html). Con soddisfazione ne annunciamo oggi la riapertura con una nuova impostazione.. Una stuzzicheria di vaglia. Una pizza assolutamente speciale, tanto che può vantare un impasto fornito dal vincitore di un agone nazionale in materia di pasta base.

Il locale verrà interamente ristrutturato: d’altronde la vetustà di forno e accessori è tale da far ritenere necessaria l’operazione che  non è solo un refresh, ma un rifacimento totale. Pure la postazione esterna subirà un restyling che ne farà apprezzare la coerenza col contesto ambientale, legato all’aderenza con via della Gabbia e alla contiguità con Palazzo dei Priori.

Anche la comunicazione sarà proposta in modo originale con pannelli luminosi relativi ai prodotti in vendita. Un’operazione costosa, ma di sicura presa sul pubblico. Che, ne siamo certi, non mancherà.

L’operazione è frutto dell’impegno di Vittorio Settequattrini, noto e stimato operatore dell’intermediazione immobiliare  con ufficio nell’acropoli. Alla sua tenacia si deve il buon esito dell’operazione. Il nuovo titolare è un operatore economico della ristorazione, apprezzato per la sua autorevolezza e competenza, con sede al corso. Una freccia in più, dunque, all’arco di un valido imprenditore perugino.

Una riapertura che ridà fiato a un Centro sempre più spompato e povero di iniziative. Contrastando la tendenza, giudicata irreversibile, a chiusure che si succedono come grani di un rosario. C’è da augurarsi che questo genere di operazioni venga assecondato dall’amministrazione comunale. Che deve pur fare qualcosa, se non si vuole che l’acropoli assomigli sempre più a un cimitero di elefanti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre la storica pizzeria "marchigiana" di via dei Priori, restyling del locale e novità

PerugiaToday è in caricamento