menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Messa in sicurezza della strada Olmo-Lacugnano, i promotori della petizione: "Grazie al Comune per l'attenzione"

"Questo risultato è emblematico di come il contributo attivo dei cittadini e delle diverse forme di associazionismo rappresentino ormai i nuovi fondamentali pilastri nel rapporto tra comunità locali e istituzioni"

La strada Olmo – Lacugnano – San Sisto verrà messa in sicurezza anche grazie alla petizione sottoscritta dai cittadini (900 firme raccolte, a seguito di vari incidenti di cui uno mortale) e sostenuta dal circolo Toriscal, dall’associazione La Chiocciola e da Cittadinanzattiva. Il Comune di Perugia infatti, con un atto adottato il 30 dicembre scorso, ha approvato il “Programma triennale delle opere pubbliche 2021–2023” in cui è ricompresa la messa in sicurezza della strada attraverso la realizzazione di una rotatoria all’innesto con via Canova e la realizzazione del marciapiede (attualmente assente) di collegamento alla scuola di Lacugnano.

Sulla questione intervengono i promotori della petizione che, in una nota, esprimono ringraziamenti nei confronti del Comune di Perugia e in particolare all’assessore Otello Numerini e all’Ing. Leonardo Naldini “per l’attenzione e l’impegno profuso, nonché ai consiglieri comunali Nicola Volpi e Francesco Zuccherini per il loro contributo alla presentazione della petizione”.

“Questo risultato – spiegano i promotori Catia Fanali, Antonio Bonaca, Alberto Antognelli e il delegato civico Ambra Ciarapica - è emblematico di come il contributo attivo dei cittadini e delle diverse forme di associazionismo rappresentino ormai i nuovi fondamentali pilastri nel rapporto tra comunità locali e istituzioni in contesti territoriali particolarmente critici, come la strada Olmo – Lacugnano - San Sisto, infrastruttura stradale trovatasi impreparata a sopportare l’incremento urbanistico degli ultimi anni”.

Un altro tema strategico che il comitato promotore ha posto all’attenzione del Comune è quello della mobilità dolce (in sintonia con il Pums, Piano urbano mobilità sostenibile) con lo sviluppo di mobilità

pedonale e ciclistica che rappresenta “una delle sette strategie fondamentali”.

“E’ chiaro –concludono- che le problematiche di varia natura presenti in questa parte popolosa a sud-ovest del Comune di Perugia sono tante; l’intervento programmato dal Comune di Perugia su questa infrastruttura stradale è molto importante, ma il dato che preme sottolineare in questo momento è che la comunità locale, attraverso le sue forme associate, si è arricchita di una pratica partecipativa democratica e inclusiva da esercitare anche in altri contesti, con altri tempi e con altri contenuti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento