Attualità

Il Pesce d'Aprile è servito, Comune 'costretto' a smentire: "Non telefonate, è uno scherzo"

Volantino con l'avviso delle tessere elettorali e rimborso, è tutto finto

Il Pesce d'Aprile ai cittadini di Perugia. Il volantino è solo una burla. E il Comune è 'costretto' a smentire su Facebook, invitando a non chiamare i numeri. Il riborso di 69 euro per la nuova tessera elettorale è solo uno scherzo, non esattamente divertente: "#1APRILE vi informiamo che la comunicazione che troverete affissa in centro storico a #Perugia non è una comunicazione ufficiale dell’ente ma un bel #pescedaprile. Vi invitiamo, pertanto, a non chiamare i numeri telefonici trascritti nel foglio. Grazie", scrive Palazzo dei Priori su Facebook. 

La nota ufficiale del Comune di Perugia: "Sono stati diffusi ed affissi questa mattina presso alcune sedi del Comune di Perugia degli avvisi che invitano la cittadinanza a ritirare una fantomatica “eco-tessera” elettorale che darebbe diritto, secondo quanto riportato nel testo, ad un ipotetico rimborso eco-sostenibile di 69 euro. Tali avvisi risultano evidentemente falsi, trattandosi di uno scherzo orchestrato da ignoti in occasione del primo d’aprile. In considerazione di ciò si invita la cittadinanza a non tenere conto del contenuto dei falsi avvisi e, di conseguenza, a non contattare i numeri di telefono indicati nei volantini per ottenere informazioni su quanto ivi riportato, impedendo peraltro il normale svolgimento dell’attività istituzionale".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pesce d'Aprile è servito, Comune 'costretto' a smentire: "Non telefonate, è uno scherzo"

PerugiaToday è in caricamento