rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Attualità

Perugia torna ad essere la capitale dei donatori di sangue italiani: maxi assemblea, volontari anche dalla Svizzera

Dopo ventisette anni dall'ultima assemblea generale Avis torna in Umbria

È Perugia la città scelta da Avis Nazionale per la 85^ Assemblea generale dell'Avis, che si terrà in Umbria dal 22 al 24 maggio 2020. Ad annuciare l’importante traguardo raggiunto, ieri mattina in conferenza stampa presso la Sala Rossa del Comune di Perugia sono stati: Andrea Marchini, Presidente Avis Regionale Umbria; Ilio Cintia, Presidente Avis Provinciale Perugia; Fabrizio Rasimelli, Presidente Avis Comunale Perugia; Giovanni Magara, Consigliere Nazionale Avis, alla presenza del Sindaco di Perugia Andrea Romizi e gli assessori Leonardo Varasano e Edi Cicchi.

«Dopo ventisette anni torna l’assemblea generale a Perugia - ha affermato il Presidente Avis Perugia Fabrizio Rasimelli -. È stato un anno di intenso, unico e umile lavoro per preparare un dossier dettagliato e ad oggi possiamo dire vincente, al fine di vedere Perugia come città assegnataria di questo importante evento. Ringraziamo Avis Nazionale che ha ritenuto la nostra candidatura seria e meritevole di essere scelta e Avis Regionale per aver supportato il progetto che oggi finalmente è diventato realtà».

Un evento, quello che si terrà dal 22 al 24 maggio 2020 che porterà in Umbria circa 1.500 persone fra delegati e accompagnatori Avis, 870 camere prenotate, 14 alberghi coinvolti, ristoranti, 100 volontari coinvolti in tre giorni e 4 quintali di “Baci Perugina”. Un’assemblea questa che ha anche un duplice risvolto sociale, infatti, molte delle Avis regionali che parteciperanno hanno contribuito e contribuiranno ad aiutare le zone terremotate della nostra regione.

«Un’assemblea questa che ci apprestiamo ad ospitare – continua il presidente Rasimelli – che sarà una festa per tutti, per i delegati e volontari Avis, ma anche del’intera città di Perugia. Un’opportunità importante per le strutture ricettive della nostra città e non solo. Vorremmo poter utilizzare questa importante vetrina per sensibilizzare le persone che ancora non donano alla donazione di sangue. Come presidente Avis Perugia posso esprimere la grande soddisfazione, ma anche la grande responsabilità di un progetto impegnativo e unico, che ci vedrà coinvolti in tantissime attività in quei giorni».


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia torna ad essere la capitale dei donatori di sangue italiani: maxi assemblea, volontari anche dalla Svizzera

PerugiaToday è in caricamento