Attualità

Università dei sapori "bandiera" di pasta e pizza negli Usa: a Perugia tornano gli chef americani

Nuovamente operativo l'accordo con la Lotito Food

Ripresa la collaborazione con Lotito Food, rinnovata già lo scorso febbraio grazie all’incontro tra il presidente del polo formativo, Stefano Lupi, e l’import manager Rosario Picone, uno dei più rilevanti importatori e distributori dell’italian food negli Stati Uniti, con l’obiettivo comune di promuovere e valorizzare la cucina e i prodotti del made in Italy in America. 

Collaborazione che nasce da un accordo di cooperazione reciproca nel 2012 e che ha visto dal 2014 più di 900 chef statunitensi della catena Olive Garden formarsi e aggiornarsi proprio all’Università dei sapori di Perugia. 

Esperienza formativa di perfezionamento sulle tematiche della pasta fresca, arte bianca e pasticceria che ha avuto il suo nuovo inizio post pandemia con il primo gruppo di manager dei ristoranti a marchio Olive Garden e che proseguirà fino a tutto il 2023, rafforzando la presenza dell’Università dei sapori sui mercati internazionali e con essa l’immagine del “brand” Umbria. 

Molte le aspettative che gli chef americani ripongono in questa preziosa esperienza che consentirà loro di valorizzare al meglio i sapori e i valori della cucina italiana negli Usa. 

"Università dei Sapori con questo accordo conferma e consolida il suo profilo di centro di formazione a valenza internazionale - commenta il presidente Stefano Lupi - ritenendo questa partnership un importante strumento commerciale e culturale, per la promozione delle nostre professionalità e competenze". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università dei sapori "bandiera" di pasta e pizza negli Usa: a Perugia tornano gli chef americani
PerugiaToday è in caricamento