rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Attualità

Perugia, trenta bimbi di tre continenti riuniti nella "piccola Onu" del Grest a San Barnaba

La fatica e le gioie degli animatori per un centro estivo che si è trasformato, da momento di gioco e svago, a terreno di sviluppo di amicizia e inclusione, unendo le diverse culture dei piccoli ospiti

Trenta bambini, italiani, sudamericani, africani e ucraini. Sono le piccole Nazioni Unite che si sono create al Grest della parrocchia di San Barnaba e del Villaggio della Carità a Perugia.

A tracciare il bilancio delle due settimane di centro estivo sono il parroco don Alessandro Scarda, Sara, animatrice del dopocresima, Miriam, animatrice veterana e responsabile del progetto Gr.est., e agli altri giovani animatori: Alessia, Blaise, Damiano, Edoardo, Eleonora, Francesco (detto Ciro), Giovanni, Irene "piccola", Lorenzo, Marco, Patricia e Pietro.

Per don Alessandro i bambini "rappresentano tre continenti e ci piace pensare al nostro Gr.est. come a una piccola Onu. Uno degli obiettivi è stato quello di aiutare gli ultimi arrivati, i bambini ucraini, ad apprendere di più la nostra lingua. Bene! Non solo hanno perfezionato l’italiano – esclama con soddisfazione il sacerdote – addirittura hanno 'insegnato' l’ucraino ai coetanei italiani".

Un centro estivo che si è trasformato, da momento di gioco e svago, a terreno di sviluppo di amicizia e inclusione, unendo le diverse culture dei piccoli ospiti.

Miriam, l’animatrice veterana, racconta che "non è stato facile partire da zero, proporre ai ragazzi un’esperienza nuova nel ruolo di animatori. L’organizzazione di queste due settimane è stata intensa e ci ha messi alla prova, ma anche uniti di più nell’amicizia e nella condivisione di ogni momento vissuto insieme. Metti in gioco tutto te stesso, scopri parti di te che non conoscevi: tenerezza, accoglienza, ascolto e alla fine ti ritrovi a sera svuotato di te stesso ma colmo della gioia di esserti donato agli altri". 

Anche Sara riferisce dell'impegno, dello "sforzo organizzativo e mentale richiesto ai nostri animatori nel preparare le attività, i piccoli momenti di catechesi, organizzare i giochi (con tanto di materiale e spiegazione), gestire i bambini, specie quelli più vivaci e incontenibili e far fronte alle tante dinamiche e situazioni che possono presentare, ma il gruppo, ormai ben coeso e armonioso grazie agli anni di dopocresima svolti insieme, ha saputo ben rispondere alle sfide di questo Gr.est., per poi assaporarne gli aspetti più preziosi che hanno di gran lunga ripagato i sacrifici fatti".

Tanto lavoro, da parte degli altri animatori, ma dare "una mano al prossimo è una cosa che davvero ci riempie lo spirito".

La piccola Onu del centro estivo della parrochia di San Barnaba

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, trenta bimbi di tre continenti riuniti nella "piccola Onu" del Grest a San Barnaba

PerugiaToday è in caricamento