Marta Cucchia, tessitrice di arazzi e damaschi, e i suoi telai protagonista in tv

L'imprenditrice perugina era in trasmissione ai "Soliti ignoti"

Perugia ancora protagonista in tv ai “Soliti ignoti” con Marta Cucchia presentata come tessitrice di arazzi, panni antichi e damaschi.

Marta Cucchia è la titolare della ditta “Giuditta Brozzetti”, azienda specializzata nella tessitura di panni che recuperano la tradizione antica, come i “pannili alla peroscina”, prodotti che si trovavano sugli altari delle chiese e sulle tavole dei ricchi, ed erano apprezzati e commercializzati in tutta Europa, finendo anche nel corredo di una futura regina Caterina de’ Medici.

Marta Cucchia ha recuperato una tradizione che si è tramandata grazie al paziente lavoro invernale delle donne della campagna perugina nel corso dei secoli. Adesso propone una interpretazione delle famose tovaglie, o meglio pannili peroscini, con decoro ispirato al XIV secolo e di grandi dimensioni. I nobili e i ricchi li volevano per arredare la tavola, erano richiesti come premi per i tornei d’armi, Leonardo da Vinci li raffigura nell’affresco del Cenacolo e così tanti altri artisti come Simone Martini, Pietro Lorenzetti, Giotto e Ghirlandaio.

La bisnonna di Marta Cucchia, Giuditta Brozzetti, era una maestra elementare, durante la Prima guerra mondiale, con tutti gli uomini al fronte, assunse l’incarico di direttrice delle scuole elementari di Perugia e, girando per il contado come ispettrice, si imbattè in un rumore particolare, il battere sordo del telaio, scoprendo che questa arte medievale era sopravvissuta intatta ne secoli: dalla coltivazione del lino alla filatura e alla tessitura durante l’inverno, con tecniche millenarie tramandate di madre in figlia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con il recupero di disegni, tessuti e tecniche è rinata un’antica arte, all’interno della ex chiesa di San Francesco delle donne a Perugia (il primo insediamento femminile dell’Ordine francescano a Perugia). Una sede che è diventata museo, aperto a scuole e visitatori con attività didattica e visite guidate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento