INVIATO CITTADINO Logge di Braccio ancora in mano ai balordi

Dopo la pulizia, la bonifica, il recupero e il restauro, in assenza di un loro utilizzo proficuo, tutto torna come prima. Forse peggio

Le Logge di Braccio ancora in mano ai balordi. Dopo la pulizia, la bonifica, il recupero e il restauro, in assenza di un loro utilizzo proficuo, tutto torna come prima. Forse peggio. Anche perché le speranze dei perugini, sollecitate da quell’intervento, sembrano irrimediabilmente crollare, trasformandosi in disillusione.

La ventilata apertura dello store di Guarducci – contrastata e deprecata per mere ragioni ideologiche – sembrava promettere una rinascita che andasse di pari passo con la nuova facies. Il rifacimento della pavimentazione in accoltellato di mattoni, la pulizia dei travertini, tornati al bianco originale, l’allontanamento di elementi (umani e canini) poco raccomandabili, promettevano nuova e più dignitosa vita a quell’angolo storico della città. E sacro, per la vicinanza con le spoglie del martire Ercolano.

Ora si è tornati ai bivacchi diurni e notturni. Una fila di bottiglie di birre e alcoolici vari punteggia i sedili a ogni ora del giorno e della notte. Brick di vino, cicche, resti di cibo inquinano materialmente e moralmente quello spazio.

Un’umanità di perdigiorno gironzola in quel luogo. E nessuno muove un dito. Bongos e percussioni, con l’imminente buona stagione, disturbano le celebrazioni in cattedrale. Lo hanno fatto anche in occasione della Via Crucis, forse per sfregio. Pare che lo facciano apposta. Ma non c’è modo di recuperare onore e dignità?

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando il bucato non profuma: lavare e igienizzare la lavatrice

  • Ospedale di Perugia in lutto, è morta Giampiera Bistarelli: "Ha dato a tutti noi una grande lezione di vita"

  • Tragedia a Perugia, precipita dal palazzo e muore: sul posto la polizia

  • Le aziende che assumono. La perugina Barton cerca nuovi agenti: ecco come candidarsi

  • Sbanda e finisce fuori strada con l'auto: Marcello muore a 53 anni

  • La fortuna bacia l'Umbria, pensionato gioca 2 euro e ne vince 260mila

Torna su
PerugiaToday è in caricamento