rotate-mobile
Attualità

INVIATO CITTADINO Perugia celebra Maria Montessori, riuniti gli Stati Generali

La città si candida a luogo d’eccellenza montessoriano, gli auspici del vicesindaco Tuteri

Riuniti a Perugia gli Stati Generali per la candidatura della Vetusta a luogo d’eccellenza montessoriano. Gli auspici del vicesindaco Tuteri.

Ai nastri di partenza le celebrazioni (che dureranno fino al dicembre 2020) per la presenza a Perugia di Maria Montessori che, settanta anni fa, fu chiamata a dirigere il Centro Studi Pedagogici presso Palazzo Gallenga.

A fare gli onori di casa, in Sala Rossa, Gianluca Tuteri, assessore alle Politiche giovanili ed appassionato, oltre che esperto, di questioni pedagogiche. Dice di provare “felicità intellettuale e orgoglio di condivisione di temi, interessi e saperi con la rivoluzionaria didattica montessoriana”. Precisa – da studioso di neuroscienze – che nei primi tre anni di vita si forma nel bambino l’80% del cervello, milioni di collegamenti di sinapsi in chiave di determinante condizionamento ambientale. Poi, “I have a dream”, dichiara: “Vorrei un asilo nido a costo zero per tutti”. E sarebbe di certo una scelta lungimirante.

Il “Perugia Montessori District” vede in sinergia la Scuola dell’infanzia Santa Croce, l’Unistra, il Comune di Perugia, la Fondazione eLand, istituti comprensivi a indirizzo montessoriano, associazioni come il Montessori Training Center e la “Paolini”.

In questa partita gioca un ruolo determinante anche l’Opera Nazionale Montessori, l’Ami, lo Studium perusinum, l’Aba, il Conservatorio Morlacchi, l’Anci Umbria, la Fondazione Centro Studi Aldo Capitini e associazioni di quartiere.

Domattina un mega evento con i bambini sulla scalinata dei Notari ad accogliere i convegnisti: i cori diretti da Enrico Bindocci e quello dell’Università per Stranieri “Voci dal mondo” di Alberto Bustos. Collabora pure UJ la cui iniziativa “Umbria Jazz 4 Kids”, tenuta dentro il chiostro di San Fiorenzo, ha mosso masse di bambini e rispettivi genitori, coinvolti in un fare/ascoltare musica a go-go. Esperienza da ripetere: bravo Pagnotta!

Tante le iniziative che è impossibile declinare analiticamente. Basti ricordare quello che per l’Inviato Cittadino è il fiore all’occhiello della fusione fra identità cittadina e vocazione pedagogica, ispirata ai principii della Pace. I bambini porteranno la Bandiera della Pace di Aldo Capitini, quella conservata presso San Matteo degli Armeni, memoria perenne della prima Marcia per la Pace del 1961. Quelle sette strisce colorate – ci raccontava con commozione anni fa Lanfranco Mencaroni degli “Amici di Capitini” – furono cucite, a casa sua, da alcune donne, in parte contadine. Molte di loro non avevano mai letto le opere del filosofo della nonviolenza, ma ne avevano capita la profondità di messaggio. E quel lavoro è in sinergia coi valori espressi dal Santo serafico e da Aldo Capitini. Nota di perplessità: non si capisce il riferimento, nel comunicato, al poeta perugino Sandro Penna. Che fu certo grandissimo, ma non “divulgatore di pace”… e altro è meglio non dire. Scivoloni a parte, sarà una grande kermesse che la città vivrà con entusiasmo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Perugia celebra Maria Montessori, riuniti gli Stati Generali

PerugiaToday è in caricamento