rotate-mobile
Attualità

Pedo Park, a San Sisto si inizia a fare sul serio

L'ex parco del Riccio è stato cantierato. Dopo ferragosto via ai lavori per l'area dedicata ad Alessandro Pedetti

Superati gli ostacoli legati alla burocrazia e al meteo sfavorevole, il parco “Alessandro Pedetti” di San Sisto brilla finalmente di arancione. L’arancione delle reti che indicano i ‘lavori in corso’. In questo caso i lavori necessari all’installazione dei nuovi giochi previsti dal progetto “Pedo Park” che l’associazione “A. Pedetti” ha presentato al Comune di Perugia dopo aver ottenuto in concessione la gestione dell’ex Parco del Riccio di San Sisto.

La chiusura al pubblico dei grandi spazi verdi è dunque, in questo caso, una buona notizia perché significa che tra qualche mese l’intera area verde sarà dotata di giochi e attrezzature per bambini e famiglie e di un impianto di irrigazione nuovo di zecca affinché il verde del prato non debba mai sbiadire. Con l’apertura del cantiere prende concretamente il via il progetto di rilancio del Parco, che l’associazione ha fortemente voluto, elaborato, finanziato e portato a concretezza, in sinergia con il Comune di Perugia, per valorizzare le potenzialità di questa area verde, nel nome e nel ricordo di Alessandro Pedetti, morto in un incidente, puntando su socialità, rispetto per l’ambiente e per le persone, come a lui sarebbe piaciuto. La prossima primavera vedrà dunque risplendere il parco dei tanti colori degli scivoli, delle altalene, delle piattaforme e delle pedane, che potranno risaltare grazie al verde intenso del nuovo prato. La temporanea chiusura segnalata dalla recinzione color arancio non è quindi un segno di abbandono o di degrado ma il segnale che per Alessandro e con Alessandro il Parco avrà una nuova vita. Grazie agli amici, ai parenti e ai sostenitori che ci hanno aiutato, anche materialmente, in questa nuovo tappa del progetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedo Park, a San Sisto si inizia a fare sul serio

PerugiaToday è in caricamento