rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

Parkinson e malattie neurodegenerative, lo studio dei ricercatori dell'Università degli Studi di Perugia

L'Unipg coordina uno studio sul ruolo di due proteine nella genesi e diagnosi delle malattie neurodegenerative

Due proteine e il loro ruolo nella genesi e nella diagnosi delle malattie neurodegenerative. Il gruppo di ricerca coordinato dalla professoressa Lucilla Parnetti, direttrice della Sezione di Neurologia dell’Università degli Studi di Perugia, ha realizzato una revisione della letteratura scientifica esistente per valutare il ruolo delle proteine alfa-sinucleina e beta-sinucleina nello sviluppo delle malattie neurodegenerative, in particolare del Parkinson, e il loro potenziale utilizzo quali biomarcatori per una diagnosi precoce. 

Il lavoro, realizzato in collaborazione con gli atenei tedeschi di Ulm e di Halle-Wittenberg, dove lavora il dottor Lorenzo Barba, prima firma del lavoro ed allievo della Professoressa Parnetti, con la quale ha discusso la sua tesi di laurea presso l'Ateneo di Perugia, è stato pubblicato su Movement Disorders, la più autorevole rivista internazionale di neurologia dedicata alla malattia di Parkinson ed ai parkinsonismi.  

La malattia di Parkinson, spiega l'Università degli Studi di Perugia, "rappresenta una delle principali patologie neurodegenerative ed è caratterizzata dall’accumulo e dall’aggregazione patologica di alfa-sinucleina, una proteina espressa nei neuroni. Strettamente associata all’alfa-sinucleina, la beta-sinucleina è un’altra proteina neuronale che sta suscitando sempre più interesse per i suoi possibili ruoli nelle malattie neurodegenerative, tra cui il Parkinson e l’Alzheimer, ma anche neuroinfiammatorie, come la sclerosi multipla". 

I ricercatori "hanno realizzato una revisione della letteratura scientifica esistente sulle interazioni tra alfa-sinucleina e beta-sinucleina nella fisiopatologia dei neuroni, con particolare riferimento ai neuroni dopaminergici, primariamente affetti nella malattia di Parkinson, discutendo inoltre i potenziali ruoli diagnostici come biomarcatori liquorali ed ematici". L’alfa-sinucleina "viene dosata principalmente nel liquor come biomarcatore della malattia di Parkinson e le metodiche più all’avanguardia sono ora in grado di identificare specificamente le forme patologiche di questa proteina". La beta-sinucleina, invece, "ha dimostrato un gran potenziale come biomarcatore del danno sinaptico soprattutto nell’Alzheimer, venendo rilasciata dai neuroni durante il processo degenerativo".  

"L’uso combinato di queste due proteine – sottolineano gli autori - consentirebbe quindi una miglior accuratezza e precisione nella diagnosi della malattia di Parkinson, in particolare nelle forme in cui il disturbo motorio si associa a deficit cognitivi. In aggiunta all’identificazione precoce del processo neurodegenerativo, inoltre, l’alfa-sinucleina e la beta-sinucleina rappresentano promettenti biomarcatori anche come strumenti prognostici e di monitoraggio nell’ambito di trial clinici". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parkinson e malattie neurodegenerative, lo studio dei ricercatori dell'Università degli Studi di Perugia

PerugiaToday è in caricamento