rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Attualità

INVIATO CITTADINO Parco di Via Torelli messo in sicurezza

Albero secco e pericolante abbattuto. Adesso si può tranquillamente risalire il sentiero

Rimosso un elemento che generava forte preoccupazione nei residenti nel vicino condominio. E faceva grattare la testa a quanti si accingevano a passare per il sentiero che, attraversando l’area verde di via Torelli, la collega con la Leonardo da Vinci, la zona parrocchiale di San Donato e Viale Orazio Antinori.

Dopo l’operazione dell’albero secco e pericolante abbattuto, il parco di Via Torelli è stato finalmente messo in sicurezza. Tirano un sospiro di sollievo residenti e frequentatori. Adesso si può tranquillamente risalire in direzione della Leonardo da Vinci. E accedere alla frequentatissima area cani. 

FOTO - Albero secco e pericolante abbattuto. Parco di Via Torelli messo in sicurezza


(foto Sandro Allegrini)

Una pianta colossale, un abete alto oltre 25 metri, racconta uno specialista della Agenzia Forestale Regionale intervenuta con due mezzi speciali.

Una ‘bestia’ dell’età di oltre 45 anni, commenta lo specialista, contando i cerchi di accrescimento in uno dei pezzi rimasti a terra, in attesa del conferimento altrove.

Ci sarà poi da svellere l’imponente apparato radicale mediante una pinza.

Sono intervenuti due mezzi, dotati delle opportune attrezzature per corrispondere alla bisogna.

Dunque, piena tranquillità per i residenti nel condominio subito a valle.

“Intendiamoci – chiarisce l’esperto – la caduta dell’albero secco non era imminente né probabile. Almeno in assenza di eventi meteorologici eccezionali. Ma è stato un bene mettere in sicurezza, rimuovendo potenziali fonti di pericolo”.

Nessuna preoccupazione, invece, per il pioppo lì vicino. Solo qualche ramo in basso è affetto da problemi. Il resto della pianta gode di buona salute. E lo confermerà con la prossima “messa” di fiori e foglie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Parco di Via Torelli messo in sicurezza

PerugiaToday è in caricamento