Dal Palazzo del Capitano del popolo piove a catinelle... e protestano i titolari degli esercizi sottostanti

Si lamentano i titolari degli esercizi commerciali sottostanti. Per la precisione Hogan’s e Flying Tiger, i quali subiscono le conseguenze di questi "nubifragi"

Dal Palazzo del Capitano del popolo piove a catinelle.  Se ne lamentano i titolari degli esercizi commerciali sottostanti. Per la precisione Hogan’s e Flying Tiger, i quali subiscono le conseguenze di questi nubifragi. Probabilmente si tratta della calata di gronda intasata, di modo che – quando piove copiosamente – l’acqua rifluisce sulla vaschetta di raccolta risalendo fin sopra la gronda. E il liquido scroscia a cascata.

“Il risultato  – riferisce Tommaso Brunelli di Hogan’s  – consiste in  un  vero muro d’acqua che impedisce ai clienti di accedere al locale”. E, così dicendo, mostra un filmato sul telefonino, a conferma della sua asserzione, assolutamente veritiera. “E questo – aggiunge – comporta una perdita secca di introiti”.

C’è anche da osservare che nel punto incriminato, fissati al muro, corrono cavo elettrici e di telefonia: circostanza che potrebbe comportare qualche problema di funzionalità e di sicurezza. Oltretutto, sono da stabilire le competenze, dato che il fatto avviene nella connettitura di due edifici contigui. Sarà, dunque, il caso di constatare de visu l’esatta ubicazione dell’inconveniente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci siamo lamentati di questo guaio dell’acqua che scroscia”, dice. Con chi?  Racconta che sono andati al Palazzo di Giustizia e lo hanno rappresentato a qualcuno. Ma hanno sbagliato target, in quanto l’interlocutore giusto è la proprietà, non chi ha in uso lo storico edificio. Dunque dovrebbe essere il Comune a provvedere, o comunque a farsi carico della verifica. “Scriverò al sindaco”, dice il giovane imprenditore. Che si ripromette di recarsi anche di persona per sollecitare un intervento necessario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento