Attualità

INVIATO CITTADINO Palazzo Baldeschi, quel terrazzo come splendido palcoscenico per la musica open air

Un concerto di orchestre giovanili tenuto in contemporanea, in 50 città italiane, per ripartire tutti insieme, all’insegna dei giovani, della musica, della solidarietà. Iniziativa promossa da ACRI e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, con media partnership dei TGR

Palazzo Baldeschi al corso. Quel terrazzo come splendido palcoscenico per la musica open air. Grande pubblico, malgrado il basso profilo della comunicazione, volutamente sottotono per evitare assembramenti. Ma il pubblico c’è stato, e come! Se si considera il passa parola, legato anche alla cerchia di amicizie dei musicisti dell’Orchestra da Camera di Perugia.

Una festa in grande stile, legata a una manifestazione di carattere nazionale, giunta all’ottava edizione, “Ri-Suona Italia. Tante piazze, una sola comunità”, voluta dalle Fondazioni tricolori, in occasione della Giornata europea delle Fondazioni. Giovani, Cultura, Europa sono le tre parole chiave che regnano sovrane nel mondo della musica, secondo le intenzioni dei promotori.

Un concerto di orchestre giovanili tenuto in contemporanea, in 50 città italiane, per ripartire tutti insieme, all’insegna dei giovani, della musica, della solidarietà. Iniziativa promossa da ACRI e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, con media partnership dei TGR.

Il corso e i tavoli dei bar e ristoranti occupati da gente che, passando occasionalmente, si è fermata ad ascoltare. Oltre a tanti membri della Fondazione, ovviamente consapevoli in anticipo dell’iniziativa.

Quattro cantanti quattro, si sono proposti affacciandosi alle finestre sovrastanti il terrazzo. Poi il Coro del Conservatorio e l’orchestra da Camera di Perugia, col valore aggiunto di giovani studenti, diretta dal Maestro Carlo Palleschi, hanno dato il meglio di sé, partendo col corale “Inno alla gioia” che costituisce l’inconfondibile brand delle iniziative del vecchio continente.

Presenti, fra gli altri, il politologo Alessandro Campi, il presidente del Post Francesco Gatti con la sorella Margherita, il membro del Consiglio Luciano Ventanni, la coppia Alberto e Marinella Bottini (lei pianista di rango), lo storico Alberto Grohmann e consorte, il pediatra musicologo Italo Marinelli, il direttore musicale Andrea Franceschelli con la figlia Chiara, apprezzato soprano e didatta, il giurista e cinefilo Daniele Corvi, patron del Love Film Festival. Oltre a tanti estimatori della musica, responsabilmente distanziati.

Un’iniziativa di livello che avrebbe conseguito un’ampia risonanza mediatica. Speriamo di poterla celebrare l’anno venturo con le presenza e l’allure che merita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Palazzo Baldeschi, quel terrazzo come splendido palcoscenico per la musica open air

PerugiaToday è in caricamento