INVIATO CITTADINO A Perugia un’assoluta novità: orto urbano e progetto di apicoltura sociale

All’iniziativa – oltre a Porta Pesa e Borgo S. Antonio – hanno aderito anche le associazioni Borgo Bello e Porta Eburnea

A Perugia un’assoluta novità. Orto urbano e progetto di apicoltura sociale animano la scarpata sotto viale Sant’Antonio. Ci hanno lavorato a lungo ed è ormai realtà. La realizzazione è poco visibile: la si nota solo andando a piedi ed affacciandosi sul dirupo che termina in fondo al torrente Rio.

La zona era stata interessata da un fenomeno di frana, particolarmente evidente a valle del parcheggio, ma ne era stata colpita anche la parte in alto, più verso la Porta Sant’Antonio. Erano state realizzate opere idrauliche di drenaggio che scaricavano direttamente sulla scarpata, con possibile dilavamento del terreno. Oggi quei mega tubi in pvc sono stati raccordati, fatti confluire in pozzetti di raccolta e di scarico. Insomma: è stato perfezionato un intervento, atto a garantire piena stabilità. A valle sono stati realizzati sentieri e strisce praticabili per colture orticole. Ma la vera novità è costituita dalla presenza di un allevamento di api, ospitate in una serie di arnie, protette alla vista da un ombreggiante.

Il progetto “Orti, arte e tempo al centro dell’azione partecipata” è finanziato dalla regione Umbria con risorse stanziate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza regionale, ai sensi e per gli effetti del DL n° 117 del 2018. Soldi pubblici, insomma, che sembrano ben spesi.

La “sgreppata” mostra qualche albero da frutto (noci, ficaie) e diversi ortaggi in crescita. Le api, invero, non sono molte “causa la siccità di quest’anno e la conseguente carenza di pollini”, spiega un esperto.

Ma non saranno pericolose colonie di api così vicine alla strada e all’abitato?

“L’importante è non avvicinarsi senza protezione. Le api, se non infastidite, non attaccano. C’è poi da considerare che saranno tutte protese verso la gola in basso, in cerca di fiori, non certamente verso il muro dell’antica fortezza di Porta Sole e la zona del Borgo, dove non troverebbero alimento”, tranquillizza l’esperto.

Il laboratorio didattico di apicoltura sociale è iscritto all’Anagrafe apistica nazionale. Risulta ben segnalato e un cartello avvisa su quale sia il punto di sicurezza, oltre il quale è inopportuno spingersi.

All’iniziativa – oltre a Porta Pesa e Borgo S. Antonio – hanno aderito anche le associazioni Borgo Bello e Porta Eburnea. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento