menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
restauri in corso, le tre restauratrici sul trabattello (foto Francesco Pinelli)

restauri in corso, le tre restauratrici sul trabattello (foto Francesco Pinelli)

Oratorio di Sant' Antonio abate di corso Bersaglieri: restauri game over (per il momento)

Oratorio di S. Antonio abate di corso Bersaglieri. Restauri game over, per il momento, e previsione di ampio impiego di quella antica e preziosa struttura

Oratorio di S. Antonio abate di corso Bersaglieri. Restauri game over, per il momento, e previsione di ampio impiego di quella antica e preziosa struttura. L’edificio, proprietà dell’Istituto diocesano per il sostentamento del clero, è stato affidato in comodato d’uso all’Associazione Porta Pesa e Borgo S. Antonio, che la utilizza per eventi di natura culturale e associativa.

L’operazione restauri è stata attivata grazie all’Associazione, circostanza di assoluta eccezionalità. Ma Francesco Pinelli e i suoi hanno fatto l’impossibile: bussando alla porta della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, che quella porta l’ha aperta, finanziando generosamente. Poi la pensata del cantiere-scuola di restauro che ha visto aprirsi un laboratorio didattico, sotto la sorveglianza di esperti, accreditati dalla Soprintendenza.

Step by step: prima la parte dell’ex altare, poi la controfacciata con la riscoperta di una crocefissione da sballo. Quindi le pareti laterali con l’intervento sulle decorazioni del Giuli e sui medaglioni  con episodi della vita del santo eremita. Siamo così giunti alla parte superiore: la volta dell’Appiani. Intanto sono state fissate le parti in predicato di distacco: alcune  perdite d’acqua dall’appartamento al piano superiore ne avevano minata l’integrità già diversi anni fa.

L’ultimo passo della splendida volta può attendere. Intanto si sta procedendo alla realizzazione dell’impianto d’illuminazione. L’inaugurazione è già stata fissata per il 7 dicembre prossimo, con la presenza di autorità civili e religiose. Poi la domanda: che farne? Invero l’Associazione ne ha già fatto da tempo un polo culturale, con eventi di carattere musicale (con Mirco Bonucci), letterario (Women@work di Costanza Bondi), teatrale… Si tratta, adesso, di rendere organici e rituali quegli eventi, predisponendo un calendario di appuntamenti di natura sociale e culturale.

Risulta in via di formazione una Commissione cultura che si farà carico del compito di dare continuità e qualità. Intendiamoci: niente di elitario, né di bassamente consumistico. Si tratterà di offrire situazioni di ampia e democratica fruibilità, che abbiano il bollino blu del dignitoso e… della peruginità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento